Lavori a Rovigo
Lavori a Rovigo

Rovigo, 17 gennaio 2020 - Lavori in corso in via Amendola, una pioggia di disagi per residenti e commercianti. Questi ultimi hanno subito un forte calo delle vendite. I lavori, nelle rete del gas, erano ormai necessari. Ma anche in questo caso forti le proteste per la mancanza di informazioni sul cantiere. Oggi sarà chiusa via Marco Polo nel tratto tra via Amendola, via Catalani e via Colombo. Il disagio più grande per chi arriva da Lendinara, costretto ad allungare il tragitto per arrivare nel capoluogo. I lavori, inoltre, hanno creato, soprattutto nelle ore di punta, lunghe code di auto. La situazione ancora più difficile nella zona di ponte Marabin, unico passaggio per entrare in centro da San Pio X.

«L’inizio dei lavori – spiega Federico Paltanin della macelleria artigianale ‘Casa e bottega’ – ci ha anche sottratto clienti. Alcuni di loro si sono lamentati, soprattutto quelli in arrivo da Lendinara. Nonostante tutto i lavori andavano fatti e, tutto sommato, stanno arrecando meno disagio di quelli di qualche mese fa. Forse sarebbe stato meglio fare i lavori di notte. Già durante la settimana viene poca gente, adesso ancora meno. Per fortuna abbiamo alcuni clienti affezionati. Non ci hanno avvertito della chiusura della strada. Speriamo che almeno finiscano presto". "Abitiamo in zona – racconta Sara Visentin –, i lavori ci stanno arrecando grande disagio. Al mattino non sappiamo mai da che parte uscire di casa. Quando porto i figli a scuola mi trovo sempre imbottigliata nel traffico perché, in questi giorni di cantiere, sulla medesima strada vengono deviate anche le persone che arrivano da Lendinara. Nessuno ci avvisati dell’inizio dei lavori, ormai le comunicazioni arrivano solo tramite i giornali o i social. Per fare pochi metri le deviazioni ci impongono di allungare di molto il nostro tragitto".

"Ogni sera – afferma Federico Ferrari di ‘F.C. Benazzo Srl’ – si formano colonne di auto perché, da circa una settimana, hanno chiuso anche la strada per entrare in città da Lendinara. Ho sentito dire che faranno lavori anche in via Colombo e in via Marco Polo, altri disagi in arrivo. Sembrano non esserci soluzioni alternative. Il sottopassaggio è l’unico modo per entrare in centro, così si intasano le strade per centinaia di metri". "Per ora non abbiamo avuto particolari problemi - si confida Giorgia Buson de ‘La latteria’ –. Devo dire però che avrebbero potuto avvisarci. Siamo rimasti in pochi commercianti, sarebbero bastati pochi minuti per parlare con tutti. La mia attività tutto sommato continua a lavorare, non so quelle degli altri".

"Lavori così vanno fatti – commenta Dino Faccioli –, quelli di via Marco Polo stanno creando meno disagi di quelli all’incrocio. Gli operai si sono dimostrati disponibili ad ascoltare i passanti venendo, quando possibile, incontro alle loro esigenze. La segnaletica c’è, ma non impedisce i grandi incolonnamenti". "Poche settimane fa – racconta Paola Rondina –, quando hanno fatto i lavori all’incrocio, hanno chiuso le strade di accesso ai residenti senza avvisare impedendo di entrare nella propria casa. Con i lavori in via Marco Polo, invece, si creano colonne di macchine da ponte Marabin al semaforo: si tratta di un’arteria importantissima per la città".