Furgone in sosta vietata proprio a fianco dell’antica fontana in piazza Marlini
Furgone in sosta vietata proprio a fianco dell’antica fontana in piazza Marlini

Rovigo, 7 giugno 2019 - Piazza Merlin, sul fronte dei parcheggi, è diventata una giungla. Le lamentele dei commercianti della zona vanno avanti ormai da mesi, eppure il Comune non è mai intervenuto per risolvere l’annoso problema della sosta selvaggia nella piazza accanto a via X Luglio e via Boscolo. Le auto, infatti, in questa parte del centro parcheggiano come capita, fuori dalle strisce e, spesso, in modo disordinato. «Ogni tanto passano i vigili – spiega un esercente –, lasciano sul parabrezza qualche contravvenzione e poi se ne vanno. Non ho infatti mai visto un carrattrezzi per rimuovere quei veicoli parcheggiati in modo vergognoso». In questa zona infatti gli accertatori della sosta di Asm , l’azienda che si occupa per il Comune dei parcheggi a pagamento, si limitano a multare gli automobilisti che parcheggiano fuori tempo sulle strisce blu di via Boscolo, le contravvenzioni esterne alle aree di sosta sono infatti di competenza della Polizia Municipale.

«La situazione dei parcheggi di piazza Merlin è vergognosa – conferma Nicola Bertazzo, titolare della storica macelleria di piazza Annonaria –. Chi arriva e abbandona l’auto lì per ore fuori dagli appositi spazi, anche i residenti non rispettano le regole. La maggior parte infatti sono in possesso di 3 o 4 permessi per nucleo famigliare, la piazza resta dunque, giorno e notte, occupata dalle loro auto. Oltre ad un aspetto di degrado dell’area, il disagio si ripercuote anche sui commercianti della zona, i nostri clienti non trovano infatti mai parcheggio». «La soluzione che avevamo proposto al Comune, in quanto commercianti di piazza Annonaria – spiega – era quella di istituire una decina di parcheggi bianchi a tempo e potenziare i controlli nell’area, magari con l’aiuto degli accertatori di Asm, visto che girano tutto il giorno per la città» .

L’idea dei commercianti era stata, in un primo momento, presa in considerazione dall’ex assessore Luigi Paulon, però, di fatto, ma attivata, forse a causa delle pressioni dei residenti della zona preoccupati di fronte al rischio di vedersi dimezzare il numero dei permessi di parcheggio intorno alla piazza. Sta di fatto che, ora, dopo la chiusura del chiosco la gelateria ‘La Fontana’ , intorno a quella che i rodigini chiamano ‘piazza Roma’ la sosta è diventata ancora più selvaggia, con auto parcheggiate addirittura davanti alla porta dell’ex gelateria, ossia nella zona pedonale. Cosa vorrà fare il Comune di piazza Merlin? Si chiedono anche i commercianti di via X luglio, penalizzati anch’essi dalla mancanza di regole eque sul fronte della sosta e dei permessi.