West Nile, disinfestazione (Foto Di Marco)
West Nile, disinfestazione (Foto Di Marco)

Rovigo, 21 agosto 2018 - "I casi confermati di infezione nell'uomo da virus West Nile, trasmesso dalla zanzara Culex pipiens, in Veneto sono ad oggi 105, dei quali 34 evoluti nella forma neuroinvasiva, con 5 decessi, tutti avvenuti in persone anziane o con gravi patologie pregresse".

Cos'è

Lo rileva il quinto bollettino sulle arbovirosi diffuso oggi dalla Direzione Prevenzione della Regione Veneto. Dal punto di vista statistico, la provincia con più casi è Padova (43 totali, con 34 forme febbrili e 9 neuroinvasive), seguita da Rovigo (24 totali, 16-8), Verona (17 totali, 9-8), Venezia (15 totali, 8-7), Treviso (3 totali, 2-1) e Vicenza (3 totali, 2-1).

"Siamo di fronte a una situazione impegnativa, ma che non deve destare allarme - sottolinea l'assessore alla Sanità Luca Coletto - con un centinaio di casi confermati su una popolazione di circa 5 milioni di abitanti. Gli scienziati fanno notare che si tratta in realtà di un virus dalle conseguenze limitate, tanto da essere asintomatico nell'80% dei casi e solo in meno dell'1% capace di evolvere nella forma neuroinvasiva. E' in questo quadro che vanno collocati, con dolore, i decessi purtroppo avvenuti in soggetti in età molto avanzata o con condizioni cliniche pregresse gravi".

LEGGI ANCHE Un nuovo caso a Ferrara - A Ravenna morta un'anziana - Un decesso a Lugo

image

Sul piano del lavoro in atto, Coletto ha spiegato che si sta continuando con le disinfestazioni straordinarie «soprattutto nelle aree a maggior concentrazione di persone, in stretta collaborazione tra le Ullss e i Comuni, mentre nei Pronto Soccorso e negli Ospedali riusciamo ad avere diagnosi precise e tempestive e cure efficaci. Stiamo inoltre rafforzando le attività di prevenzione per tutte le strutture che ospitano anziani o ricoverano malati».

«Peraltro - aggiunge l'assessore - le raccomandazioni dell'Ecdc (European Center For Disease Prevention and Control) confermano in pieno la correttezza di quello che stiamo facendo. Le più rilevanti sono: 1) l'attuazione di disinfestazioni straordinarie per l'abbattimento della densità di vettori 2) la particolare attenzione in fase di diagnosi per gli operatori sanitari a considerare in modo tempestivo la possibilità di infezione da West Nile 3) la diffusione della raccomandazione a tutta la popolazione di proteggersi attraverso l'utilizzo di zanzariere a porte e finestre e l'utilizzo di repellenti, soprattutto negli anziani e nelle persone immunodepresse poiché a maggior rischio di sviluppare forme neuro-invasive 4) sensibilizzare la popolazione affinché si adoperi a non lasciare in nessun caso zone umide stagnanti o raccolte d'acqua».