Fusione Bancadria e Colli Euganei
Fusione Bancadria e Colli Euganei

Adria, 7 gennaio 2019 - Il primo consiglio di amministrazione della nuova Banca Adria Colli Euganei Credito Cooperativo si è svolto nei giorni scorsi nella sede legale di Corso Mazzini, 60 ad Adria. Erano presenti i nuovi consiglieri nominati dopo l’assemblea dei soci del 25 novembre 2018. Il nuovo consiglio di amministrazione è composto da undici consiglieri. Otto appartenenti alla precedente Banca Adria e tre alla precedente Banca dei Colli Euganei. Questi i nomi degli amministratori: Enzo Baretella, Mauro Giuriolo, Paolo Mancin, Simone Meneghini, Adriano Perin, Cristina Sarto, Trevisan Emilio e Vallese Francesco. La delibera di insediamento definisce anche gli incarichi che risultano così distribuiti.

Il presidente è Giovanni Vianello, vice presidente vicario Diego Broggiato, vice presidente Raffaele Riondino. Per il comitato esecutivo il nuovo consiglio di amministrazione ha nominato come presidente Mauro Giuriolo, vice presidente Adriano Perin. I componenti sono Diego Broggiato, Simone Meneghini ed Emilio Trevisan. Per quanto riguarda la direzione, è stato confermato nella carica di direttore generale, fino al 31 gennaio del 2019, Antonio Biasioli, individuando, nel periodo che intercorre dal 2 gennaio del 2019 al 31 gennaio 2019, la figura di un vice direttore vicario. Il ruolo sarà ricoperto da Tiziano Manfrin e quella di vice direttore Lorenzo Contiero. A partire dal primo febbraio 2019, il ruolo di direttore generale sarà assunto da Tiziano Manfrin e quello di vice direttore generale vicario da Lorenzo Contiero.

Infine è stato confermato nel ruolo di vice direttore Umberto Perosa. All’assemblea dei soci del 25 novembre scorso sono stati nominati i componenti del sollegio sindacale. Riveste l’incarico di presidente Vittorio Boscolo Meneguolo, sindaci effettivi Laura Ghiotto e Giovanni Tibaldo, sindaci supplenti Tiziano Veronese e Maura Rocchi. Presente all’incontro anche l’ex presidente della Banca dei Colli Euganei Luciano Zanaica, il quale si è detto molto soddisfatto della fusione. Da parte sua il neo presidente della nuova realtà bancaria, Giovanni Vianello, ha espresso un pensiero di ringraziamento per la disponibilità dei nuovi consiglieri e per il prezioso apporto di tutti coloro che hanno cessato il proprio servizio. La fusione tra due banche di Credito Cooperativo è stata un’operazione che ha coinvolto due istituti molto radicati nel territorio di appartenenza. I due istituti in questo periodo hanno organizzato numerosi incontri territoriali proprio per per approfondire temi e le prospettive di questa operazione. Il progetto che è stato coronato rappresenta il frutto di un percorso di avvicinamento graduale e ben ponderato tra le due realtà. Sono stati tenuti in grande considerazione non solo dati e numeri, ma anche valori, prospettive, capacità di visione strategica del futuro.

L'operazione costituisce una vera e propria opportunità per entrambe le Bcc che sono entrambe solide, vitali e godono di ottima salute. «Un matrimonio tra realtà sane – le parole di Vianello – non può che rinsaldare ancor più la capacità delle nostre banche di servire bene il territorio». La nuova banca aggregata ha preso la denominazione di Banca Adria Colli Euganei - Credito cooperativo. La sede legale ed amministrativa rimarrà nell’attuale sede di Banca Adria, dove rimarranno pure in un unico contesto gli uffici di direzione, di controllo e i principali uffici di produzione. A Lozzo Atestino invece risiederanno attività di back office e alcune funzioni operative con l’intenzione di valorizzare l’attuale sede per attività sociali e di rappresentanza.