Porto Tolle (Rovigo), 17 aprile 2018 - Il progetto di riconversione della centrale e il rilancio di Porto Tolle (Rovigo) è tutto imperniato sul turismo e il soggetto con il quale Enel ha lavorato finora a stretto contatto, ovvero la Human company di Firenze. L’investimento previsto è di una sessantina di milioni, su una superficie di 110 ettari e 20 ettari boschivi sono previste almeno 2.200 piazzole per case-vacanza. Stimati 400 posti di lavoro. Accoglierà fino a 8 mila turisti al giorno,

Oggi la sala consiliare del Comune di Porto Tolle ha ospitato la presentazione del progetto Delta Farm (FOTO), ritenuto idoneo per l'area secondo i criteri di recupero e condivisione di beni e idee, e i valori di sostenibilità sociale, ambientale e ottimizzazione dei costi. Sono intervenuti il sottosegretario ministeriale Pier Paolo Baretta, il sindaco di Porto Tolle Claudio Bellan, il responsabile Enel del progetto Futur-E Marco Fragale, l'amministratore delegato di Human Company Marco Galletti, e il vicepresidente di Confindustria Venezia Rovigo Gian Michele Gambato

Safari in laguna sul Delta del Po

La commissione giudicatrice formata da Enel, Politecnico di Milano, università di Padova e Comune di Porto Tolle, chiamata a valutare l'idoneità dei progetti presentati, ha selezionato Delta Farm perché la proposta di trasformare il sito in villaggio turistico è coerente con il territorio circostante, ed è orientata a innovare le attività locali legate alla produzione ittica e agricola.  Sarà un villaggio turistico aperto, vale a dire che qualsiasi imprenditore locale potrà partecipare con la propria attività. Ad esempio, sarà allestito un mercato quotidiano del pesce, mentre un mercato settimanale sarà dedicato al riso e alle produzioni locali, compresa la floricoltura.

L'area sportiva punta ad attirare sportivi professionisti e atleti dilettanti anche nei mesi successivi al periodo di massima affluenza turistica, che tra aprile e fine settembre potrà avere picchi di 8 mila persone al giorno. In particolare, il polo per gli sport acquatici punta a far entrare il nuovo villaggio tra le mete europee preferite dai surfisti, e le strutture per praticare canottaggio, canoismo, pallanuoto e nuoto saranno affiancate da bike point e piastre sportive multifunzionali. Il sindaco di Porto Tolle, Claudio Bellan, ha affermato: "E' un passaggio storico per il territorio, che così volta pagina e cambia prospettiva. Dopo la fine del progetto di riconversione a carbone, ora stiamo parlando di qualcosa di concreto, che potrà valorizzare le competenze dei nostri giovani, invertendo la tendenza all'invecchiamento e alla riduzione della popolazione". 

Per il responsabile Enel del progetto Futur-E Marco Fragale "Enel affiancherà il progetto di riqualificazione per arrivare alla realizzazione finale". Marco Galletti, amministratore delegato di Human Company, ha annunciato che il nuovo progetto a Porto Tolle, insieme all'altro che il Gruppo ha in programma in Veneto, a Eraclea, sarà "un'attrazione per i turisti del Nord Europa. Porto Tolle è una scommessa che vogliamo vincere puntando  sulla bellezza di questa terra". 

Tra le modalità ricettive, le offerte saranno molto diversificate, arrivando fino ai 250 euro a notte per una casa mobile che potrà ospitare famiglie di quattro persone: "L'atmosfera del Delta del Po potrà essere più intrigante di qualsiasi albergo dell'Adriatico", ha concluso Galletti.