Rovigo, 3 maggio 2018 - Il sindaco ha deciso, il suo vice sarà Andrea Bimbatti, 40 enne di Boara Polesine. Massimo Bergamin dunque ha accettato la volontà di Forza Italia, espressa dal commissario provinciale Piergiorgio Cortelazzo, da due mesi parlamentare. Ieri sera durante la riunione di maggioranza il primo cittadino ha comunicato le sue intenzioni ai consiglieri che sembra abbiano accettato di buon grado.

Bimbatti si occuperà dello sport, delega fino a ieri era dell’assessore Luigi Paulon che, quindi, esce ridimensionato dal rimpasto. La giunta torna ad otto componenti, l’assessore leghista alla ragioneria, Susanna Garbo, lascia la carica di vice sindaco dopo tre mesi.

Bimbatti alle comunali del 2015 si era candidato sindaco con «Una lista di risposte», una proposta civica che aveva riscosso il 5 per cento dei consensi ma che non aveva chiuso accordi per apparentamenti al ballottaggio, così i voti ottenuti non sono stati sufficienti a garantire un posto tra i banchi dell’opposizione nemmeno al candidato sindaco.

Ma il successivo riavvicinamento di Bimbatti al partito prima ed alla maggioranza di Bergamin poi, gli hanno spianato la strada verso il ritorno in amministrazione che sarà ufficializzato questa mattina. Un rientro a quasi quattro anni di distanza, Bimbatti era infatti stato assessore all’urbanistica con Bruno Piva sindaco tra il 2011 e il 2014.
t. m.