Smaltita la delusione dell’eliminazione in Coppa Italia, il Delta si rituffa in campionato. Al Cavallari di Porto Tolle arrivano (inizio alle 14.30, arbitro Alessandro Negrelli di Finale Emilia) i veronesi dell’Ambrosiana, fanalino di coda del girone C. In casa Delta ritorna dopo il turno di stop causa squalifica il centrale difensivo Moretti, schierato dal primo minuto mercoledì nel turno di Coppa. C’è un po’ di rammarico in casa biancazzurra per l’eliminazione, perché con il Ciserano la...

Smaltita la delusione dell’eliminazione in Coppa Italia, il Delta si rituffa in campionato. Al Cavallari di Porto Tolle arrivano (inizio alle 14.30, arbitro Alessandro Negrelli di Finale Emilia) i veronesi dell’Ambrosiana, fanalino di coda del girone C. In casa Delta ritorna dopo il turno di stop causa squalifica il centrale difensivo Moretti, schierato dal primo minuto mercoledì nel turno di Coppa. C’è un po’ di rammarico in casa biancazzurra per l’eliminazione, perché con il Ciserano la squadra, soprattutto dalla cintola in su, ha giocato una buona gara. Dopo il gol ad inizio ripresa, la squadra deltina ha avuto una buona reazione, creando opportunità per il pari non efficacemente sfruttate, anche per merito della solida retroguardia bergamasca. Buone le prestazioni degli ultimi arrivati, Manari e Spoto, giocatori di qualità che si sono ben integrati nel gruppo. Oggi, tra i pali torna Agosti, dopo aver lasciato in coppa la responsabilità della porta a Cinelli (buona la prestazione), e la coppia centrale dovrebbe essere affidata a Brentan e Moretti mentre a centrocampo Nappo, Abrefah e Busetto, con Spoto, Nappello e Santi in attacco. Guardando la classifica, non ci dovrebbero essere problemi. L’Ambrosiana è ultima in graduatoria con solo 3 punti conquistati, frutto di una sola vittoria, zero pareggi e ben 9 sconfitte. Dopo l’ultima debacle contro il Cartigliano, si è dimesso l’allenatore Giuseppe Pugliese, con la società che ha affidato la squadra rossonera al suo vice Paolo Sammarco, ex centrocampista classe 1983, che ha giocato da professionista nella Viterbese, Prato, Chievo, Sampdoria, Udinese, Cesena, Spezia, Frosinone, Virtus Verona ed Arzignano Chiampo. "Voglio vedere una pronta reazione visto anche lo scossone che ha generato il cambio di timoniere – dice il presidente dell’Ambrosiana Gianluigi Pietropoli – . Il Delta è una squadra forte e quadrata ma ribadisco che sono tutte difficili le partite del nostro campionato. Dobbiamo scendere in campo fiduciosi e con lo spirito giusto per cercare il risultato pieno. Tutti noi abbiamo commesso degli errori. Bisogna, ora più che mai, guardare avanti e risollevare il morale di tutto l’ambiente cercando di abbandonare in fretta l’incomodo ruolo di fanalino di coda del girone C". In casa Ambrosiana, sono arrivati due giocatori nuovi, Aurelio Barilaro e Matteo Capellini: il primo è un difensore classe 1994 con una importante esperienza tra serie D e C, Capellini è un centrocampista. Cristiano Aggio