11 giugno 1888: l’VIII Centenario dell’Alma Mater Il 1888 è un anno di grandi festeggiamenti per Bologna! E’ l’anno della Grande esposizione emiliana, ma soprattutto la festa di Irnerio, fondatore dello studio bolognese. Come per tutte le feste è necessario scegliere una data! Il 12 giugno 1859 è terminata la dominazione pontificia a Bologna e quindi i cattolici preferirebbero un altro mese e un altro giorno, ma il rettore Giovanni Capellini è irremovibile e non accetta cambiamenti. L’11, il 12 ed il 13 giugno 1888 si celebra così l’ottavo centenario dell’Università di Bologna; intervengono anche i reali e viene inaugurato il monumento equestre a Vittorio Emanuele. Giosuè Carducci convoca da tutta Europa gli studiosi più illustri ed anche gli studenti invitano i loro colleghi... gli studenti torinesi portano una enorme botte di Barbera per placare la sete e movimentare la festa, i Padovani addirittura un bue dalle corna dorate! Ci si può imbattere anche in una cavalcata asinina per le vie della città o in qualche tram con rotaia da poco presente in città. La sera, poi, tutti i professori al banchetto d’onore, mentre per gli studenti gran ballo a Casalecchio di Reno!