La linea del tempo
La linea del tempo

Gennaio: l’Unione cattolica per gli studi sociali approva a Milano il Programma dei cattolici di fronte al socialismo, redatto da Giuseppe Toniolo, il noto “Programma di Milano”. Lo stesso mese viene proclamato dal governo Crispi lo stato d’assedio in Sicilia e inizia la repressione del movimento dei Fasci Siciliani ad opera dell’esercito. Il commissario speciale, generale Nicola Heusch assume la guida della repressione e proclama la legge marziale in tutta la Lunigiana. A Bologna, in sostituzione della disciolta Promotrice di Belle Arti, viene fondata l’Associazione Francesco Francia, composta da pittori e scultori. Il conte Francesco Cavazza è nominato presidente, il pittore Faccioli segretario.

Febbraio: Gaetano Benzi, fondatore del Fascio operaio bolognese e segretario della locale Camera del Lavoro, viene arrestato con l’accusa di cospirazione. Sarà condannato a due anni di reclusione e due di sorveglianza speciale.

Marzo: Luigi Roux e Francesco Saverio Nitti fondano a Torino la rivista “La riforma sociale”.

Maggio: viene inaugurata a Milano l’Esposizione Generale Italiana.

Giugno: fallisce a Roma l’attentato dell’anarchico Paolo Lega contro Francesco Crispi, che rimane illeso.

Settembre: viene decretato dal governo lo scioglimento dei circoli socialisti.