12 gennaio 1944: il tribunale di Verona condanna i traditori. Compreso Ciano Il processo di Verona si concluse con la condanna a morte di 6 appartenenti al Gran Consiglio fascista che il 25 luglio 1943 avevano sfi duciato Benito Mussolini. Tra questi Galeazzo Ciano, genero del Duce. Edda, fi glia prediletta di Benito Mussolini, non crede che il padre farà uccidere il genero, ex ministro degli esteri. Ma il Duce non avrà pieta. Dopo la morte di Ciano, Edda, con l’aiuto dello stilista Emilio Pucci, attraverserà il confi ne. Da lontano apprenderà la notizia della morte del padre e, in segno di gioia, si vestirà di rosso e farà una passeggiata. Non pronuncerà mai la parola perdono, ma nella trasmissione televisiva Tutti gli uomini del Duce dirà: “affezionata è dir poco...l’amore vero è stato mio padre”.