What's app... ened

22 novembre 1963: l’assassinio di John Kennedy, il presidente della nuova frontiera 

L’articolo di De Carlo pone l’accento sull’ambiguità della figura di Kennedy: mito come difensore dei diritti civili e “maldestro” in politica estera. Kennedy, nel suo breve mandato, affronta s de di non facile soluzione: i missili nucleari a Cuba e il dilemma di come evitare un conflitto nucleare, la costruzione del muro di Berlino e la situazione in Vietnam. Rappresenta l’Occidente capitalista in opposizione al comunismo sovietico. Celebri i suoi discorsi, da quello inaugurale: “Non chiedete che cosa il vostro paese può fare per voi ma che cosa voi potete fare per il vostro paese”, a quello di Berlino. Alla sua morte lo sostituirà Lyndon B. Johnson che porterà a termine il programma di Kennedy: la legge sui diritti civili, la lotta all’analfabetismo e alla povertà ma che è ricordato soprattutto per aver iniziato la guerra del Vietnam