La linea del tempo
La linea del tempo

Gennaio: in vista dell’ammissibilità costituzionale di una legge sul divorzio in Italia, papa Paolo VI pronuncia un duro discorso sull’indissolubilità del matrimonio. Lo stesso mese, durante il festival di Sanremo si suicida il cantante Luigi Tenco.

Febbraio: hanno luogo manifestazioni e proteste in diverse università italiane. Studenti e personale universitario, assieme, chiedono una riforma e avanzano proposte per migliorare il sistema universitario.


Aprile: viene ratificata con la legge n.326 la Convenzione dei diritti politici delle donne del 1953. Lo stesso mese, 300 studenti greci iscritti all’Università di Bologna iniziano uno sciopero della fame,
dopo il colpo di Stato che ha portato al potere i militari in Grecia.

Maggio: si svolge a Bologna il III Congresso radicale, viene approvato un nuovo statuto e decisa la costituzione di un partito. Intanto le manifestazioni studentesche continuano per protesta contro il progetto di riforma dell’università presentato dal ministro della Pubblica istruzione Luigi Gui e contro la guerra in Vietnam.
 La reazione della polizia è spesso di dura repressione.


Luglio: viene votata dal Parlamento la fiducia al governo sulla politica di appoggio agli Stati Uniti per la guerra in Vietnam.


Settembre: il pugile bolognese Dante Canè vince per KO al Madison Square Garden di New York, tempio del pugilato mondiale, contro l’americano 
Jerry Tomasetti.


Ottobre: è approvata la legge 977 che regola il lavoro minorile; il limite minimo
è di 15 anni (16 per i lavori pericolosi). Don Milani, ormai deceduto, viene condannato a 5 mesi di reclusione per le posizioni in favore dell’obiezione di coscienza, in particolare nello scritto L’obbedienza non è più una virtù.
Primo episodio documentato di gol fantasma nel campionato italiano: la moviola, proposta da La Domenica Sportiva, mostra che il pallone non superò la linea.

Novembre: attraversa le strade di Bologna la marcia per la pace nel Vietnam organizzata da Danilo Dolci (1924-1997), noto attivista della non violenza.
Vi partecipano centinaia di studenti.