Il 1972 in Italia è un anno di forti tensioni. Cresce infatti durante l’anno la frequenza e la brutalità degli atti compiuti dagli estremisti politici. A marzo, dopo la condanna di Pino Rauti (fondatore dell’organizzazione di estrema destra Ordine Nuovo) per la strage di piazza Fontana, si verifi ca il primo caso di rapimento ad opera del gruppo delle Brigate Rosse, ai danni dell’ingegnere Idalgo Macchiarini. Si tratta del primo di una lunga serie di sequestri compiuti dalle BR, ai quali si uniranno gli atti criminali di altri gruppi armati, quali Lotta Continua. Proprio alcuni membri di quest’ultima formazione di sinistra extraparlamentare, di stampo comunista e rivoluzionario, nel maggio del , 72 si macchiano dell’omicidio del commissario di polizia e addetto alla squadra politica della questura di Milano, Luigi Calabresi.