Cenni storici
Cenni storici

Il 1975 è uno degli anni più bui del terrorismo italiano. Sono gli “anni di piombo”: le strade sono macchiate dal sangue di giovani militanti di destra e di sinistra e da quello dei rappresentanti delle forze dell’ordine impegnate nella diffi cile lotta contro il terrorismo. I sequestri a scopo di estorsione per fi nanziare la lotta armata portano nuove morti e rinnovato dolore. Vittime e carnefi ci sono spesso giovani, giovanissimi. Trovano la morte durante le azioni terroristiche, ma anche nelle manifestazioni di piazza, o nelle stanze di una villa del Circeo. “Spesso il male di vivere ho incontrato”, scriveva Eugenio Montale, vincitore del premio Nobel per la Letteratura. Anche fra le Forze dell’ordine il bilancio è da bollettino di guerra. “Hanno vent’anni, la vostra età”, aveva scritto, riferendosi a loro, all’indomani degli scontri di Valle Giulia, Pier Paolo Pasolini, ucciso il 2 novembre, in una notte nera come il “petrolio”.