La linea del tempo

Gennaio: durante una perquisizione il terrorista di estrema destra Mario Tuti uccide i due carabinieri Leonardo Falco e Giovanni Ceravolo.

Febbraio: Renato Curcio evade dal carcere di Casale Monferrato. A Roma muore lo studente greco Mikis Mantakas, colpito da due proiettili durante le manifestazioni per il processo del Rogo di Primavalle.

Marzo: approvazione della legge che attribuisce la maggiore età ai cittadini diciottenni. Aggressione a Sergio Ramelli, militante del Fronte della Gioventù a Milano. Morirà in seguito alle ferite riportate.

Aprile: Bill Gates e Paul Allen fondano la Microsoft Corporation. Federico Fellini vince l’Oscar con il film Amarcord. Rapimento e morte di Carlo Saronio, giovane ingegnere milanese, da parte di un gruppo di fuoriusciti da Potere Operaio.
Un gruppo neofascista di Avanguardia Nazionale uccide lo studente di sinistra Claudio Varalli. Durante la manifestazione per l’omicidio Varalli, Giannino
Zibecchi, del Coordinamento dei Comitati Antifascisti, muore investito dai Carabinieri. Inaugurazione a Bologna del Palazzo della Cultura e dei Congressi, e della nuova sede della Galleria d’Arte Moderna.

Maggio: i Nuclei Armati Proletari sequestrano il giudice Giuseppe Di Gennaro.
La Ferrari guidata da Niki Lauda vince il Gran Premio di Montecarlo dopo venti anni. Il democristiano Massimo De Carolis è ferito alle gambe dalle Brigate Rosse.
Un gruppo neofascista uccide lo studente di sinistra Alberto Brasili.

Giugno: l’industrialeVittorioVallarino Gancia viene rapito dalle Brigate Rosse; durante l’azione di liberazione muoiono la brigatista Margherita Cagol e il carabiniere Giovanni D’Alfonso. Assassinio di Alceste Campanile, militante di Lotta Continua, da parte di Autonomia Operaia.

Luglio: la terrorista Anna Maria Mantini dei Nuclei Armati Proletari viene uccisa durante un blitz della polizia.

Agosto: Renato Zangheri viene rieletto sindaco a Bologna.

Settembre: l’agente Antonio Niedda viene ucciso durante uno scontro a fuoco con i brigatisti rossi. Donatella Colasanti, di 17 anni, e Rosaria Lopez, di 19 anni, vengono seviziate dai tre giovani Gianni Guido, Angelo Izzo e Andrea Ghira in una villa del Circeo. Sopravviverà solo la Colasanti.

Ottobre: gli appuntati Armando Femiano, Giuseppe Lombardi, ed il brigadiere Gianni Mussi sono uccisi durante un conflitto a fuoco. Mario Zicchieri, militante del Fronte della Gioventù, viene ucciso dalle Brigate Rosse.

Novembre: Pier Paolo Pasolini viene ucciso sulla spiaggia dell’Idroscalo di Ostia. Firma del Trattato di Osimo tra Italia e Jugoslavia, che rende definitive le frontiere
tra i due Stati. Piero Bruno, militante di Lotta Continua, viene ferito dalle forze dell’ordine. Muore il giorno seguente.

Dicembre: Eugenio Montale riceve il Nobel per la Letteratura, Renato Dulbecco quello per la Medicina.