What's app... ened
What's app... ened

1978: il polacco Wojtyla è Giovanni Paolo II 

Il 17 ottobre del 1978, dopo 456 anni, i 116 cardinali che partecipano al conclave eleggono un pontefice non italiano: la portata di questa novità si legge nell’attimo di esitazione e nel silenzio che accompagna l’annuncio del card. Felici. Il nuovo Papa polacco sa comunque conquistare la folla con le sue parole “Mi hanno chiamato da un paese lontano... non so se potrei bene spiegarmi nella vostra... nostra lingua, se sbaglio mi correggerete”.

Il suo venire da un paese lontano rappresenta un forte segno di rottura con il passato: la Chiesa di Roma inizia un percorso di progressiva apertura al mondo che compie, con l’elezione di papa Francesco, un ulteriore balzo in avanti. La Chiesa non abita più solo in Italia ma inizia a riconoscere che la sua “casa comune” è il pianeta Terra, con le sue contraddizioni e i suoi profondi cambiamenti. Giovanni Paolo II connoterà il suo pontificato con i numerosi viaggi in ogni parte del mondo, anche in Paesi che non erano mai stati visitati da un pontefice, come Cuba; nel corso dei suoi 27 anni di pontificato effettuerà ben 104 viaggi, coprendo una distanza superiore a quella di tutti gli altri papi messi insieme.