il Resto in classe
il Resto in classe

Storia - Cittadinanza e Costituzione: cos’è il terrorismo? L’insegnante conduca un brainstorming che, partendo dall’analisi del termine “terrorismo”, porti al perché del fenomeno. Come rispose Bologna a tale fenomeno? Documentarsi sulle reazioni della città all’indomani della strage. Per una più completa informazione sugli attentati di quegli anni, leggere anche la pagina dedicata alla strage di Ustica.

Storia - Italiano: la strage di Bologna, che, rispetto ad altre importanti stragi, ha ottenuto l’individuazione degli esecutori materiali, è stata oggetto di gravi azioni di depistaggio. Puoi fartene un’idea attraverso il fumetto La strage di Bologna (ed. Il becco giallo).

Storia - Italiano (linguaggio degli audiovisivi): guarda il video Bologna 2 agosto 1980 oggi (http://www.arcoiris.tv/scheda/it/3567/) e proponine una descrizione (mettendo in evidenza fonti utilizzate, parti scritte, ecc.). Spiega, argomentando, qual è la finalità di questo lavoro. Guarda ora il film 2 agosto 1980. Per non dimenticare (Massimo Martelli, 1992,http://www.arcoiris.tv/scheda/it/295/) e analizzane la struttura narrativa (con particolare attenzione ai piani temporali, alla posizione del narratore e alla costruzione del “finale”). Confronta ora le due fonti audiovisive: quali sono le differenze e le finalità dei due lavori? Entra nel dettaglio e metti in evidenza il diverso contributo che ciascuna di esse può dare alla memoria.

Cittadinanza e Costituzione: il regista del film 2 agosto 1980. Per non dimenticare dichiarò che l’impegno degli attori fu, praticamente, a titolo gratuito e che eventuali utili sarebbero stati devoluti all’associazione dei familiari. Cosa pensi di questo tipo di impegno “civico” da parte di attori o altre figure in qualche modo celebri? Ti vengono in mente altri esempi? Italiano: nella parte conclusiva del film 2 agosto 1980. Per non dimenticare, attraverso il protagonista, viene proposta una riflessione: “Quello che ho capito è che tutti loro avevano, anzi, no, erano una storia, come dei fili pronti ad intrecciarsi, a dividersi, magari ad ignorarsi, tutti impegnati in una cosa forse stupida e banale (...) erano tutti impegnati a vivere”. Visita la pagina del sito dedicata alle vittime; accostati alle brevi annotazioni sulla storia di ciascuno e prova ad immaginare, attraverso un testo scritto in prima persona, i loro pensieri o sogni per il futuro. è possibile utilizzare le letture per un montaggio video.

Italiano - Arte e Immagine: osserva il manifesto del 2006 del comitato di solidarietà alle vittime delle stragi (http://goo.gl/0PKmFm). Analizza il documento in tutti i suoi aspetti e prova ad enucleare gli elementi simbolici e il messaggio che, secondo te, vuole trasmettere.

Cittadinanza e Costituzione - Italiano: leggi l’intervento di Paolo Bolognesi, presidente dell’Associazione tra i familiari delle vittime della strage di Bologna, in occasione della commemorazione del 2015 (http://www.stragi.it/discorso_2_agosto_2015.pdf). Il discorso si apre con un’affermazione apparentemente paradossale: “Si sono trovati nel posto sbagliato, al momento sbagliato. Questa frase è stata detta e pensata da molti e ci è stata ripetuta spesso, riguardo ai nostri cari, ma gli 85 morti e i 200 feriti che il 2 agosto 1980 vennero colpiti da un micidiale ordigno collocato nella sala d’aspetto di questa stazione, non erano affatto nel posto sbagliato al momento sbagliato”. Quale il significato di questa provocatoria riflessione? In che senso il presidente dell’Associazione tra i familiari delle vittime afferma che “spesso quello Stato, che avrebbe dovuto proteggerci, ha ostacolato la nostra azione”. Qual è lo “stato dell’arte” nella ricostruzione della “verità” relativa alla strage? Può esserti d’aiuto lo stesso sito dell’Associazione tra i familiari delle vittime (http://www.stragi.it/).

Italiano - Storia - Cittadinanza e Costituzione - Arte (possibile il contributo di altre discipline): nel 2007 è stato istituito il “Giorno della memoria dedicato alle vittime del terrorismo e delle stragi di tale matrice” (9 maggio, giorno della morte di Aldo Moro). Perché non proporre un evento (al Preside della scuola, al Quartiere o ad altre realtà della tua città) ricordando la strage di Bologna e, insieme, in maniera non banale, il terrorismo? Al frutto delle precedenti attività si potranno affiancare contributi audio/video, tra i tanti che sono stati prodotti, selezionati dalla classe. Sarà quindi necessario ideare un manifesto per promuovere le iniziative della giornata. Si segnala la possibilità di contattare il CEDOST Centro di documentazione storico politico sullo stragismo (http://www.memoria.san.beniculturali.it/) per essere aggiornati su proposte didattico-formative. è possibile, inoltre, richiedere al CEDOST stesso o all’Associazione tra i familiari delle vittime (http://www.stragi.it/) un CD didattico.