Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo

Un modo per sostenere la ricerca scientifica. La scelta responsabile di chi guarda lontano

Soggetti / Gli enti ammessi alla quota appartengono a tre categorie; gli elenchi sono pubblicati sul sito del Ministero dell’Università e della Ricerca

Il 5X1000 è una voce fondamentale della raccolta fondi di molte Fondazioni
Il 5X1000 è una voce fondamentale della raccolta fondi di molte Fondazioni

Anche per il 2022 è prevista la possibilità per i contribuenti di destinare il 5x1000 dell’Irpef a finalità di interesse sociale, tra le quali la ricerca scientifica. Studio, ricerca, sperimentazione, documentazione e informazione sono solo alcuni degli ambiti in cui gli enti di ricerca scientifica e universitaria possono convogliare e investire le quote loro devolute col 5x1000 per poter sopravvivere come istituti e portare avanti importanti progetti, ma soprattutto a sostegno dei molti ricercatori, di qualsiasi ambito, che gravitano intorno alle loro strutture. All’interno degli istituti di ricerca scientifica e universitaria (il cui elenco è consultabile sul sito del Ministero dell’Università e della Ricerca), sono ricompresi, tra gli altri, enti che si occupano di nuove tecnologie, energia, fisica, ingegneria e informatica, oltre a quelli che studiano la biologia marina, le belle arti o le comunicazioni. Secondo il DPCM 23 luglio 2020, sono ammessi al riparto della quota del 5X1000 gli enti destinatari dei finanziamenti pubblici riservati alla ricerca sanitaria (di cui agli articoli 12 e 12-bis del D. Lgs 502/1992 e successive modificazioni), le fondazioni o enti istituiti per legge e vigilati dal Ministero della salute, le associazioni senza fine di lucro e le fondazioni che svolgono attività di ricerca traslazionale, in collaborazione con gli enti di cui sopra, e che contribuiscono con proprie risorse finanziarie, umane e strumentali ai programmi di ricerca sanitaria determinati dal Ministero della Salute.

Le scadenze fiscali del 2022 e il 5x1000
• 30 settembre 2022: scadenza per la presentazione del Modello 730 precompilato e/o ordinario
• Dal 2 maggio 2022 al 30 giugno 2022: presentazione del Modello Redditi Persone Fisiche (ex Unico), se la presentazione viene effettuata in forma cartacea per il tramite di un ufficio postale.
• 30 novembre 2022: scadenza presentazione del Modello Redditi Persone Fisiche (ex Unico), se la presentazione viene effettuata per via telematica, direttamente dal contribuente ovvero se viene trasmessa da un intermediario abilitato alla trasmissione dei dati.
• Dal 30 aprile 2022: disponibili il Modello 730 precompilato e il Modello Redditi (ex Unico)
NOTA: I contribuenti che non devono presentare la dichiarazione possono scegliere di destinare l’otto, il cinque e il due per mille dell’IRPEF utilizzando l’apposita scheda allegata allo schema di Certificazione Unica 2022 (CU) oal Modello 730/2022 o al Modello Redditi Persone Fisiche (ex Unico) 2022.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?