Il bonus facciate punta a rifare il volto di centri storici e aree di valore del paese
Il bonus facciate punta a rifare il volto di centri storici e aree di valore del paese

Ad oggi sappiamo che il Superbonus 110% sarà prorogato al 2023 ma anche altri incentivi previsti per la casa potrebbero essere confermati nella prossima Legge di Bilancio. Il Governo, attraverso i suoi Ministri, non si è ancora pronunciato ma sembra che molti dei bonus in scadenza al 31 dicembre 2021 potrebbero infatti essere "allungati" di un altro anno per consentire di far fare i lavori in casa risparmiando qualcosa. Ma quali sono i bonus casa a oggi prossimi alla scadenza e quali tra questi potrebbero essere confermati anche nel 2022 che è ormai alle porte? Dal bonus idrico al bonus facciate, passando per il bonus mobili. Insomma la lista di preziosi incentivi è piuttosto corposa e chissà allora quali saranno gli "aiuti" che troveranno posto anche nel prossimo anno. Tutti utili per risparmiare un po’ di soldi, visto che prevedono importanti detrazioni da sfruttare per spese che, in alcuni specifici casi, possono rivelarsi anche piuttosto ingenti e che grazie ai bonus diventano più "leggere". Non resta altro da fare che attendere, perché a breve il Governo approverà la nuova Legge di Bilancio. E allora sarà tutto più chiaro.

Bonus idrico
Agevolazioni per miscelatori, soffioni e sanitari più efficienti
Qualora dovesse essere confermato il bonus idrico (così come sembrerebbe) anche una serie di interventi di miglioria del bagno continuerebbero a essere a costo più basso. Questo incentivo prevede gli interventi di sostituzione dei classici vasi sanitari in ceramica con apparecchi a scarico ridotto. E ancora la sostituzione di apparecchi di rubinetteria sanitaria, soffioni doccia e colonne doccia esistenti con nuovi apparecchi a limitazione di flusso d’acqua.

La progettazione di impianti d'irrigazione è tra i lavori contemplati dal bonus verde
Come anticipato, pur in assenza di ufficialità, alcuni incentivi previsti per la casa saranno rinnovati anche nel 2022. Quasi sicuramente il prossimo anno sarà ancora possibile sfruttare il bonus mobili che consiste in una detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici (di classe A+ o superiore), destinati a un immobile oggetto di ristrutturazione. Il bonus vale per un massimo di spesa di 16mila euro e non è vincolato all’Isee. In odore di conferma anche il bonus ristrutturazione: detrazione del 50% da richiedere in caso di lavori di rifacimento dei bagni, rifacimento degli impianti, eliminazione delle barriere architettoniche. Potrebbe essere confermato anche il bonus facciate: in questo caso la detrazione è addirittura del 90%, un bel risparmio. E ancora, è probabile che la Legge di Bilancio confermerà anche l’ecobonus, in cui rientrano i lavori finalizzati al miglioramento energetico della casa. Un incentivo davvero importante per andare verso un mondo più green. A proposito di green, all’orizzonte c'è anche la conferma per il bonus verde, una detrazione del 36% per gli interventi di riqualificazione effettuati sugli spazi esterni come giardini e balconi.