MARCO PRINCIPINI
Economia

L’Europa indica la strada Lotta allo spreco con i supermercati, stoccaggio e trasporto sostenibili

La risoluzione del Parlamento Europeo invita a rendere l’Unione meno dipendente da Paesi Terzi. E propone programmi nazionali per la prevenzione alimentare e per abbattere la filiera a impatto minore.

L’Europa indica la strada  Lotta allo spreco con i supermercati,  stoccaggio e trasporto sostenibili

L’Europa indica la strada Lotta allo spreco con i supermercati, stoccaggio e trasporto sostenibili

di Marco Principini

Un’Unione Europea meno dipendente dai Paesi Terzi, nella quale sia diversificata l’importazione di prodotti critici come fertilizzanti, mangimi e materie prime. Ma anche la collaborazione dei supermercati per la lotta agli sprechi e investimenti per migliorare stoccaggio e distribuzione dei prodotti agricoli rendendoli più sostenibili.

È la visione del Parlamento europeo che ha approvato nelle scorse settimane una risoluzione non legislativa, con 447 voti favorevoli, 142 contrari e 31 astensioni e che coinvolge tutta la filiera individuando un ruolo importante per la grande distribuzione organizzata.

I deputati chiedono un piano di sicurezza alimentare a livello Ue basato sulla previsione di scorte alimentari, su una strategia per le proteine e i mangimi, e sul sostegno finanziario ai produttori europei. Riconoscendo il Green deal europeo come una possibile "pietra miliare nella transizione dell’Ue verso un’economia e un’ agricoltura piu’ verdi, piu’ sostenibili e piu’ resilienti". I deputati sostengono anche che "alcune delle misure proposte potrebbero avere effetti indesiderati, che non sono ancora stati adeguatamente valutati".

Per sostenere il settore agricolo, secondo i deputati sono necessari dei finanziamenti per promuovere l’accesso degli agricoltori alle tecnologie digitali e alla gestione di precisione delle colture al fine di aumentare le rese e ridurre l’uso di pesticidi e il consumo di acqua. Dovrebbe essere inoltre creato un nuovo programma dell’Ue per modernizzare gli impianti di irrigazione e promuovere nuove infrastrutture di gestione dell’acqua. I deputati propongono anche una campagna di informazione promossa dall’Unione Europea per contrastare lo spreco alimentare, programmi nazionali per la prevenzione alimentare, la collaborazione dei supermercati con le banche alimentari e investimenti in infrastrutture per rendere il trasporto e lo stoccaggio dei prodotti agricoli piu’ sostenibili.

In particolare, secondo il Parlamento europeo, un capitolo specifico sui prodotti alimentari e agricoli dovrebbe far parte di tutti i prossimi accordi commerciali per combattere la concorrenza sleale dei produttori dei Paesi terzi soggetti a una legislazione meno severa.