Bologna, 30 giugno 2020 - Dopo una giornata passata in A14 a causa dell'infinito cantiere da Pescara ad Ancona e forse non è finita.....ci chiediamo con quale logica si apre un cantiere così grande che provoca code infinite e tempi di percorrenza degni di paesi in via di sviluppo dopo 3 mesi di stop in cui c'era tutto il tempo per programmare ed eseguire i lavori in modo più ordinato. E poi col turismo in crisi proprio l'autostrada che porta al mare si chiude d'estate. Sembra veramente premeditata. Un genio migliore non c'era. Ci chiediamo se dobbiamo pagare noi la cattiva reputazione di Autostrade per l'Italia...
Alda Saccani, Maggiorino Spezia

Risponde il condirettore de il Resto del Carlino Beppe Boni

Nel nostro Paese convivono aspetti di grande generosità e abnegazione, di cui sono stati esempio e sono tutt'ora i sanitari durante l' emergenza, ed aspetti di incomprensibile illogicità. Col turismo in affanno come come quest'anno dovremmo essere capaci di agevolare al massimo i movimenti di chi sceglie di andare in vacanza. E invece succedono cose come quella che lei racconta che, se vera, non aiuta ad avere fiducia. Oltre al controverso  bonus vacanze l'Italia deve mettere in campo tutta la fantasia e l'impegno possibili per accogliere a braccia aperte i turisti, soprattutto gli stranieri. Siamo ancora in tempo  sfornare idee e razionalità. L'estate è appena cominciata.
beppe.boni@ilcarlino.net
voce.lettori@ilcarlino.net