Nonostante la situazione che incombe cupa e grave per 60 milioni e più di italiani e non, censiti dalle autorità comunali e dal Ministero dell’Interno, questo governo non allenta la morsa burocratica sull’ottemperanza di dovere aggiornare l’auto certificazione, per ciascun individuo, munito di carta d’identità e residenza in Italia, alle emergenze di ordine pubblico, per il Covid-19. Mentre scrivo è, in data odierna, la 4^ volta che sono costretto a consumare le cartucce d’inchiostro della mia stampante, per essere ligio alle regole. Ritengo che continuare a sottoporre tutta la collettività a questo stillicidio dimostra altresì la più totale mancanza di rispetto verso i cittadini. Sono più che convinto che siano molti italiani e non a non possedere un computer ed una stampante, soprattutto gli anziani, per cui subire un disagio ai già non pochi che sono vigenti ed incombono sulle teste di ciascuno.

Adalberto de’Bartolomeis, Monselice