Lancio un appello al Ministro competente per l'informatizzazione del Paese. Chi utilizza lo strumento per pagare tasse o altro, oltre ad avere  già Spid e naturalmente un pc, internet, un telefono cellulare di nuova generazione, deve essere armato di mistica pazienza. Lo strumento è complicato, poco chiaro nei passaggi e nelle possibilità di utilizzo. In poche parole, se si vuole davvero informatizzare il Paese occorre uno strumento informatico diverso, più pratico e chiaro, meno burocratico. Un esempio?  Per pagare una tassa all'Accademia a Bologna, si deve esclusivamente usare PagoPa  e quando si arriva alla fine la scritta "Autorizzazione negata. Rivolgiti alla banca per avere spiegazioni" ti lascia nello sconforto e nessuno sa dare spiegazioni.
 

Sandro Magnani