Quotidiano Nazionale logo

Ero un ambulante vendevo liquirizia nelle fiere e nelle sagre ma, grazie al Covid nel 2019 non ci sono state fiere e nel 2020 idem. Per questo motivo, dopo un confronto con Confesercenti, sulla mia situazione contributiva, ho deciso di chiudere l'attività e di inoltrare domanda per pensionamento con quota 100. Sembrava tutto facile ma, così non è. Nell'ultimo anno ( 2020) scelsi un tipo di contabilità forfettaria che mi consentiva di pagare i contributi INPS al 65%, naturalmente ciò deve corrispondere, ai fini contributivi alla medesima percentuale. Non è stato così, l'Istituto nazionale previdenza sociale mi riconosce solamente 6 mesi anziché le 38 settimane da me maturate e non mi manda in pensione né tantomeno ammette il loro errore, dovuto al loro sistema informatico . Oggi  ho finito i pochi risparmi che avevo e non so come sbloccare questa situazione.
Agostino Biddau

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?