Bologna, 26 ottobre 2021 - Mancavo da Bologna da molto tempo, ho avuto necessità di percorrere l’Autostrada e le Tangenziali che attraversano la città e sono rimasto sbalordito dalle lunghe code che si verificano ad ogni ora del giorno.
Ho letto  che questo problema si pensa di risolverlo raddoppiando alcune corsie e aumentando le uscite e così via. Ma questi sono palliativi che non risolvono il problema: tutto il traffico si svolgerebbe comunque entro la cerchia urbana e destinato ad aumentare. Rimarrebbero comunque inalterati lo smog e la situazione di intasamento del traffico. Mi viene il dubbio che  i tanti silenzi su questo enorme problema potrebbero derivare da interessi a mantenere il traffico entro la cerchia urbana. E'  risaputo che in tutte le città del mondo che hanno questo tipo di problema lo stesso viene risolto portando il traffico all’esterno delle città.Solo a Bologna ciò non si verifica. Ci sarà qualcuno che si sentirà in dovere di dare una spiegazione?

Giancarlo Monti,  Marzabotto (Bologna)

 




Risponde il condirettore del Carlino Beppe Boni

C'è poco da fare. L'idea di una ampia bretella che potrebbe aggirare la città a nord è archiviata da tempo. Tutto il dibattito, lunghissimo con scelte che hanno registrato passi avanti e retromarce, ruota ormai intorno all'ampliamento della tangenziale attuale che secondo l'opinione di diversi esperti ( e quella dei cittadini) non risolverà il problema dell'inquinamento e del traffico, sia per chi abita in città e deve spostarsi intorno alla cintura urbana e sia per chi arriva da fuori e deve attraversare il nodo di Bologna. E' una scelta politica che provocherà disagi a ripetizione già all'inizio con lo stillicidio dei cantieri che dureranno anni. Con ogni probabilità la politica ( col Comune di Bologna in testa) che ha intrapreso questo percorso si pentirà negli anni futuri. Sul piano dell'attualità si attende a giorni la delibera del Comune che anticipa la successiva Conferenza dei servizi. La Lega intanto  non abbandona l'idea di scongiurare il Passante ed ha preparato un dossier che raccoglie le criticità e le osservazioni dei comitati di cittadini che da un pezzo si battono per una diversa realizzazione dell'opera. Secondo questi ultimi e il Carroccio stesso il cosiddetto Passantino "provocherà un sensibile aumento del traffico veicolare a ridosso di intere aree di Bologna, confliggendo con l' intento di eliminare la concentrazione di polveri inquinanti".
 

beppe.boni@ilcarlino.net
voce.lettori@ilcarlino.net