Ancona, 2 agosto 2021 - È una storia d'amore da copertina, che però, per cinque lunghi anni, è rimasta in secondo piano. Grazie anche a lei, Chiara Bontempi, Gianmarco Tamberi ha potuto mettere tutto se stesso prima nel recupero dall'infortunio del 2016 e poi nella preparazione ossessiva a Tokyo dove ha vinto l'oro nel salto in alto. "Ha messo i miei obiettivi davanti ai suoi e alla sua vita – ha raccontato 'Gimbo' parlando di Chiara – e mi è stata sempre vicina in anni difficili".

Chi è Gianmarco Tamberi - Il gesso come un talismano - La mamma: "Era in difficoltà e ha svoltato" - Chi è il medico che l'ha operato dopo l'infortunio

Gimbo Tamberi bacia la fidanzata Chiara Bontempi (da Instagram)

Love story tra Chiara e Gimbo

I due stanno insieme dal 2009, quando entrambi erano ancora ragazzini e si frequentavano ad Ancona, lei studentessa di liceo, lui già in pista a tentare di superarsi. Nata ad Ancona, vissuta accanto a Gianmarco e laureatasi a Verona dove si era trasferita senza mai rinunciare ai ritorni e alle trasferte per Tamberi, Chiara gli è stata vicino soprattutto nel momento più brutto, quello dell'infortunio del 2016. Suo il sostegno nei giorni più bui della rinuncia a Rio 2016, sua la scritta, una settimana dopo l'infortunio, che fissava già l'obiettivo, impressa su quel gesso che nella serata di ieri è diventato un simbolo di rinascita: "Road to Tokyo 2020". Che poi con la pandemia è diventato 2021, ma poco importa.

La proposta di matrimonio

Prima di partire per il Giappone arriva la proposta di matrimonio. "Non trovo le parole. L'emozione è talmente tanta che ancora non ci credo. Ti direi di sì ogni singolo giorno» è la risposta di Chiara a Tamberi, via social. E così i due, giovanissimi (29 anni lui e 26 lei) il prossimo anno si sposeranno.

La data delle nozze

"Ci sposiamo a settembre? L'1 mi va bene, è un giorno che mi porta bene dopo ieri..". Tamberi fa festa a Casa Italia e scatta il siparietto con la fidanzata e promessa sposa. "Abbiamo già fissato la data, settembre 2022, ti va bene Gianmarco?", il sasso lanciato dal presidente del Coni, Giovanni Malagò. "L'avevo promesso prima di partire, e lo ribadisco - ha risposto Tamberi - Ha fatto tanti sacrifici per me, in questi anni in cui ho messo l'atletica davanti a tutto. Ho chiesto a Malagò la possibilità di farla venire qui, era troppo importante per me averla vicino".

"Ora dobbiamo tornare un attimo sulla terra ferma - ha detto Chiara Bontempi, spuntata tra le tante telecamere che hanno accolto Tamberi - Gianmarco non ha mai spesso di lottare, è un premio a tuti i suoi sacrifici. Ora vacanze, ma non sappiamo ancora dove". 

image

L'incitamento

Prima delle qualificazioni Chiara (che è in Giappone al seguito dello staff) aveva dedicato un bellissimo pensiero al suo 'Gimbo'. "Ci siamo. Il cuore mi batte forte e l'emozione è tanta. Stai per vivere il tuo sogno amore mio, un sogno che aspetti da anni. Vivilo con la grinta, la convinzione, la forza che solo tu hai. E soprattutto, divertiti e goditi finalmente questi Giochi olimpici. Ti meriti il meglio".

E il meglio Tamberi se lo è andato a prendere in una domenica sera che difficilmente gli italiani dimenticheranno. Non lo dimenticherà neanche lei: "Non svegliatemi. Che impresa!" ha scritto su Instagram, mettendo la foto di quel gesso tanto maledetto cinque anni fa quanto portato in trionfo adesso.