Quotidiano Nazionale logo
27 giu 2017

Vasco Rossi, "il palco del concerto? Avveniristico"

Lo studio milanese Giò Forma ha ideato la struttura dei record

luca soliani
featured image
Da sinistra Santucci, Picco e Boje

Modena, 27 giugno 2017 - ‘Perché la vita è un brivido che vola via, è tutto un equilibrio sopra la follia, sopra la follia...’. È stata la poesia di Sally a ispirare l’avveniristico palco del ‘Modena park’. A rivelarlo è l’architetto Claudio Santucci - dello Studio milanese Giò Forma - che insieme alla sua squadra lo ha ideato e progettato con la supervisione di Vasco. «Sono 20 anni che lavoriamo per lui, dal primo mitico concerto di Imola: in un certo senso, possiamo dire di essere cresciuti insieme verso il futuro rimanendo però in fondo sempre gli stessi», inizia a spiegare con spiccato accento toscano. Giovedì sarà a Modena «per il soundcheck e naturalmente parteciperò allo storico concerto del 1 luglio - prosegue -, ma il nostro lavoro è finito». Iniziato un anno fa, l’attuale palco è stato scelto «tra sette proposte. Il Kom ha voluto vederli personalmente, ma si fida molto del nostro parere, ama seguirci. E così ha fatto anche questa volta».

LO SPECIALE

Lungo 150 metri e alto 26, la faraonica struttura rappresenta «un porto, punto di arrivo e ripartenza. Il muro che fa da sfondo ricorda in maniera latente e stilizzata una serie di container, appoggiati l’uno sull’altro. Rappresentano i vari aspetti di Vasco e delle sue canzoni. Come se 40 anni fossero tutti lì. E poi davanti ci sono 5 grandi strutture, carriponte che idealmente li spostano. Durante lo show si muovono a destra e sinistra, dilatano gli schermi e danno vita a diverse conformazioni scenografiche».

Le grandezze raggiunte «forse sono un record», ma non è quello che «ci interessava: il nostro obiettivo era dare la giusta dimensione per coinvolgere i 220mila spettatori. Come se tutti fossero a pochi metri da Vasco».

Il palco tiene naturalmente anche conto del tipo di evento. «È una struttura pensata per il concerto che raccoglie 40 anni di carriera - sottolinea Santucci -, con una scaletta strutturata con una particolare evoluzione, che rappresenta un arrivo che non è però la fine. L’idea è che il palco segua il variare della scenografia: alla fine sarà diverso dall’inizio, un punto di partenza verso altre mete...».

Giò Forma è composto «da una squadra di 16 persone ed è difficile stabilire quanti abbiano lavorato al progetto: anche se direttamente magari siamo stati in 4 o 5, le idee girano e sono un patrimonio culturale che appartiene a tutto lo studio. È in questo contento che è stato pensato».

Una cosa è certa: Santucci è fan di Vasco sin da quando era «ragazzino. E mentre frequentavo architettura sognavo di unire le mie due passioni: realizzare un palco per l’artista numero uno. Ora posso dire che è una soddisfazione che non ha prezzo». Sorride quando pensa ai mesi di progettazione, «con la sua musica a ispirarci. E proprio i versi di Sally, della vita che è un equilibrio sopra la follia ci ha spinto fino a qua. A realizzare un palco tra realtà e immaginazione, il segreto stesso del successo di Vasco...».

Vasco Rossi, dieci cose da sapere sul concerto di Modena
Vasco Rossi, dieci cose da sapere sul concerto di Modena

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?