Elezioni comunali, ballottaggi anche in Veneto
Elezioni comunali, ballottaggi anche in Veneto

Veneto, 18 ottobre 2021 - É stata del 48,81% l'affluenza media alla chiusura delle urne alle ore 15, di oggi 18 ottobre nei 3 comuni chiamati al voto in Veneto: un dato che resta molto basso e che conferma l’andamento in calo rispetto al primo turno. Domenica 3 ottobre alla stessa ora era al 55,79% degli aventi diritto al voto. In particolare la percentuale più bassa dei votanti si è registrata a Conegliano col 44,69% (53,81% al primo turno), seguito da Este col 52,86% (58,71% due settimane fa) e da Bovolone col 53,72% (57,06% al primo turno).

Nella Regione Veneto sono  Este, Bovolone e Conegliano i comuni in cui si vota  al secondo turno per il rinnovo delle elezioni amministrative: gli elettori sono chiamati ad eleggere il sindaco e i consiglieri comunali. Urne aperte domenica 17 ottobre 2021, dalle 7 alle 23, e lunedì 18 ottobre, dalle 7 alle 15, quando inizierà lo spoglio delle schede. 

Tre i comuni sopra i 15 mila abitanti 

Sono tre, in Veneto, i comuni sopra i 15 mila abitanti in cui i cittadini sono chiamati di nuovo alle urne per il secondo turno di ballottaggio, dato che nessuno dei candidati a sindaco ha superato il 3 e 4 ottobre la soglia del 50% più uno delle preferenze. A tornare al voto sono i comuni di Bovolone (12.360 aventi diritto al voto), in provincia di Verona, Este (13.767), in provincia di Padova, e Conegliano (28.348), in provincia di Treviso. In totale sono chiamati al voto 54.475 cittadini.

Come si vota

Si potrà votare domenica 17 ottobre, con i seggi aperti dalle 7 alle 23 e lunedì 18 ottobre, con la possibilità di voto dalle 7 alle 15: poi inizierà subito lo spoglio delle schede. 
Chi, tra i due candidati al ballotaggio, otterrà il maggiore numero di preferenze (anche se non si dovesse superare la soglia del 50% dei votanti) avrà in consiglio uno schieramento di 10 consiglieri su 16. 

Per votare basterà tracciare un segno sul rettangolo entro il quale è scritto il nome del candidato prescelto. Non è ammesso il voto disgiunto, a pena dell’invalidità della scheda.

Affluenza e scrutini: i dati in diretta

L'affluenza al primo turno è stata ovunque bassa: il dato medio, in Veneto, il 3 e 4 ottobre 2021, è stata del 55,73%, più basso di quasi 9 punti percentuali rispetto al 64,19% dell’ultima tornata elettorale del 2016.  Anche sul voto del 17 e 18 ottobre, dunque, oltre alle scelte degli elettori a pesare sarà l'affluenza al voto.

 

La sfida a Bovolone (Verona)

La competizione al ballottaggio è tra Silvia Fiorini, sostenuta da Lega Salvini, Fratelli d'Italia e Forza Italia, che aveva sfiorato la vittoria col 48,95% delle preferenze (3.321 voti), e Orfeo Pozzani, sostenuto dalle due liste civiche Pozzani Orfeo Sindaco e Giovane per Bovolone, col 40,39% (2.740). Fiorini, 43 anni, sposata e mamma di due bambini, lavora come assistente sociale nel municipio di Cerea: potrebbe rilanciare la Lega, da 10 anni all'opposizione. Orfeo Pozzani, 51 anni, sposato e padre di due figli, responsabile tecnico in una azienda di servizi pubblici, invece, era stato assessore ai Lavori pubblici nella giunta uscente fino all'ottobre 2020, e corre da solo sostenuto da due civiche. 

Il ballottaggio ad Este (Padova)

La sfida è tra Roberta Gallana (centrodestra), 57 anni, mamma e imprenditrice, sindaca uscente che sperava in una riconferma immediata al primo turno, in cui con 3.721 voti ha incassato il 47,60% dei consensi, e il candidato delle liste civiche Matteo Pajola, 45 anni, laureato in Giurisprudenza, un lavoro nel settore del credito per le aziende, già consigliere e poi assessore dal 2013 al 2016, che con 1.839 voti si è piazzato al secondo posto con il 23,53% delle preferenze. 

Il voto a Conegliano (Treviso) 

Al ballottaggio vanno due candidati del centrodestra: l'imprenditore Piero Garbellotto, amico di Zaia, con il 5.820 preferenze, pari al 39,25% dei votanti, e l’ex sindaco Fabio Chies, votato da 4.730 cittadini, pari al 31,9%.  Garbelotto è sostenuto da Lega, Fratelli d’Italia e la lista Libertà civica popolare, mentre Chies è candidato da una coalizione azzurra formata da Forza Italia e le due liste civiche Avanti tutta e Forza Conegliano. 

Il Pd, che al primo turno con la candidata Dem Francesca Gasparo aveva ottenuto il 24,73% delle preferenze, non ha fatto alcun apparentamento ufficiale e lascia "libera scelta" al proprio elettorato, ma al ballottaggio ha dichiarato di preferire Chies.