Quotidiano Nazionale logo
8 gen 2022

Covid oggi in Veneto, 8 gennaio 2022: 21.056 contagi. Zaia: "Scuole, Cts si esprima"

Nuovo record, 19 le vittime legate al virus. Aumentano ancora i ricoveri. I casi attualmente positivi sono 172.661. Verona la provincia con l'incidenza più alta

Venezia, 8 gennaio 2022 - Un nuovo, triste record di contagi da covid: oggi il Veneto 21.056 nuovi positivi (ieri 6.846 dopo il giorno di festa) a fronte di 8.479.585 tamponi molecolari e di 14.145.641 tamponi antigenici, dato che porta il totale dall'inizio dell'epidemia a quota 749.781. Sono 19 le vittime legate al Covid registrate nelle ultime ore, per un numero complessivo di 12.539 vittime. Peggiora la situazione dei ricoveri: nei reparti ordinari sono ricoverati 1.518 malati Covid (+43), e 209 (+4) nelle terapie intensive. I casi attualmente positivi sono 172.661

Approfondisci:

Coronavirus Emilia Romagna oggi, bollettino covid 8 gennaio 2022: dati e contagi

Quindi, anche se la zona arancione è stata ancora rimandata, la regione resta in forte difficoltà. Infatti, nella classificazione di rischio nel monitoraggio settimanale di Cts e Iss resta 'alta'. L'indice Rt (che calcola la velocità di trasmissione del virus) è a 1,1.

Appello di Zaia: Cts si esprima sulla scuola

"Sulla scuola penso sia fondamentale l'autorevole espressione scientifica del Cts, che stiamo ancora attendendo, dopo che su mia iniziativa questa richiesta è stata presentata in Conferenza Regioni e portata al Governo". Lo dice all'Ansa il governatore del Veneto, Luca Zaia.
Secondo Zaia, di fronte "all'importante ondata del contagio" e al dibattito conseguente sulla riapertura o meno "abbiamo davanti uno scenario che sarà un 'calvario' per la scuola, tra insegnanti colpiti dal Covid, altri assenti per malattia, altri ancora no vax e nuove regole della Dad. Insomma quella della scuola rischia d'essere una falsa apertura".
"Di certo - aggiunge il presidente del Veneto - non avremo le scuole piene". 
E siccome, in linea di principio, riflette Zaia, "le Regioni potrebbero attivare ordinanze in qualsiasi momento (come ha già fatto la Campania, ndr), e dall'altro, come sta accadendo, il Governo impugnarle, penso sia quanto mai fondamentale una espressione autorevole dal punto scientifico sul tema scuola del Cts, che inspiegabilmente ancora non si è espresso. Auspico che ciò avvenga quanto prima - conclude - perchè lunedì 10, in linea teorica, si dovrebbero aprire le scuole". 

La mappa dei contagi nelle province del Veneto: Verona prima per contagiati

Bollettino Covid Veneto 8 gennaio 2022
Bollettino Covid Veneto 8 gennaio 2022

I valori e la zona arancione

Ma preoccupano maggiormente altri indicatori: l'incidenza dei nuovi positivi ogni 100mila abitanti è fuori controllo a 1.755 nel periodo tra il 31 dicembre e il 6 gennaio. Il tasso di occupazione di malati covid rispetto al totale dei ricoverati è in costante aumento: il 6 gennaio era 18,7% nelle terapie intensive e il 19,5% nei reparti di area medica. Valori che determinerebbero il passaggio in zona arancione se superano il 20% nelle terapie intensive e il 30% nei reparti ordinari. Intanto, da lunedì passano in zona gialla, come il Veneto, anche i 'vicini' dell'Emilia Romagna che - per districare l'ingorgo burocratico - hanno varato nuove regole per la fine dell'isolamento dei positivi.
La Regione Campania, invece, unica in Italia, data l'alta incidenza dei casi ha deciso di varare norme più restringenti: la chiusura delle scuole (provedimento che il Governo vuole impugnare), regole anti assembramento e, da lunedì 10 gennaio, lo stop negli ospedali a ricoveri programmati e visite ambulatoriali. 

Approfondisci:

Quarantena covid in Emilia Romagna, tamponi gratis in farmacia per uscire dall’isolamento

150mila over 50 da vaccinare

Insomma, in attesa dei dati sui contagi di oggi il Veneto decisamente non può dormire sonni tranquilli. E proprio da oggi entra in vigore il nuovo decreto e scatta l'obbligo vaccinale per chi non ha nemmeno una dose e ha più di 50 anni, che in Veneto sono ben 150mila persone. Per loro, la Regione ha disposto l'accesso libero, senza prenotazione, a tutti gli hub vaccinali. "Ci sono slot ancora liberi", ha assicurato il governatore Luca Zaia che non ha dubbi sulla bontà della decisione presa da Roma: "La valutazione fatta dal Governo con l'ultimo decreto non è sbagliata perché negli ospedali il paziente tipo è un over 50. La misura è di carattere sanitario, per mettere in sicurezza questa fascia di età e impedire che gli ospedali collassino".

I numeri della campagna vaccinale in Veneto: prime dosi meno del 10%

Sono 52.876 le dosi di vaccino somministrate ieri in Veneto, dato che porta il totale delle vaccinazioni a quota 9.408.215. Si tratta di 5.792 prime dosi (3.362.490 il totale), 4.294 seconde dosi (4.087.457) e 42.790 dosi booster (1.958.265). Le prime dosi, dunque, sono state meno del 10% dei totale di quelle somministrate ieri.

 

Ricevi l'informazione di qualità direttamente a casa tua con le nostre testate.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?