Ricerca UniPd contagio con o senza mascherine
Ricerca UniPd contagio con o senza mascherine

Veneto, 14 gennaio 2022 - L'utilizzo della mascherina chirurgica, e ancora di più della Ffp2, dimostra essere "un eccellente strumento di protezione, abbattendo il rischio di contagio che diventa trascurabile già a brevi distanze (circa 1 metro), indipendentemente dalle condizioni ambientali o dall'evento respiratorio considerato". Insomma che respiri o, addirittura, si starnutisca. É la conclusione dello studio condotto da un team internazionale di ricerca condotta dall'Università di Padova, in collaborazione con quelle di Udine, Vienna e Chalmers (Svezia), pubblicato sul 'Journal of the Royal Society Interface'. 
Covid Veneto, 14 gennaio, 18.357 contagiati, 29 decessi, Zaia: "Restiamo in zona gialla"

Non esiste distanza di sicurezza 'universale'

La ricerca propone un modello di quantificazione del rischio di contagio da Covid-19 in funzione di distanza interpersonale, condizioni ambientali di temperatura e umidità e tipo di evento respiratorio considerato (parlare, tossire o starnutire), con o senza l'utilizzo di mascherine.  Dal lavoro emerge che "senza mascherina le goccioline infette emesse quando si parla possono raggiungere la distanza di poco più di 1 metro, mentre starnutendo arrivano fino 7 metri in condizioni di elevata umidità. Tali distanze, stimate dal modello, mostrano un pieno accordo con le più recenti evidenze sperimentali - evidenziano i ricercatori - Dall'applicazione del modello per la stima del rischio di contagio si capisce che non esiste una distanza di sicurezza 'universale', in quanto dipende dalle condizioni ambientali, dalla carica virale e dal tipo di evento respiratorio. Ad esempio, considerando un colpo di tosse (con media carica virale), si può avere un alto rischio di contagio entro i 2 metri in condizioni di umidità relativa media, mentre diventano 3 con alta umidità relativa, sempre senza mascherina". 
Covid, varianti Delta e Omicron: doppio contagio in due pazienti a Padova e Trento
Covid, forme gravi e mortali legate a carenza di cellule staminali e a iperglicemia

Mascherina: protezioni in ogni condizione ambientale

"La pandemia ha evidenziato l'importanza di modellare accuratamente la trasmissione virale operata da goccioline salivari emesse da individui infetti durante eventi respiratori come parlare, tossire e starnutire - afferma Francesco Picano, del Dipartimento di Ingegneria industriale dell'Università di Padova - Le regole del distanziamento interpersonale usualmente utilizzate si basano principalmente sullo studio proposto da William Firth Wells nel 1934. Nel nostro lavoro abbiamo revisionato tale teoria utilizzando le più recenti conoscenze sugli spray respiratori, arrivando a definire un nuovo modello per quantificare il rischio di contagio respiratorio diretto".
Covid Veneto, open day vaccino fascia 5-11 anni nel week end. Tutti i centri aperti
 

"I risultati indicano che il rischio è fortemente influenzato dalle condizioni ambientali come l'umidità, dalla carica virale e dal tipo di attività respiratoria, suggerendo l'inesistenza di una distanza di sicurezza universale. Di contro - sottolinea Picano - indossare le mascherine fornisce un'eccellente protezione, limitando efficacemente la trasmissione di agenti patogeni anche a brevi distanze interpersonali e in ogni condizione ambientale". 

Zaia: ricerca vicina alla gente, fornisce risposta ai dubbi

"Come Veneto sono orgoglioso che la nostra Università di Padova sia tra i protagonisti di uno studio estremamente significativo, che punta a dare risposte alle domande che tutti ci poniamo sulle modalità di diffusione del virus sull'efficacia delle protezioni, a cominciare dalle mascherine e dalle misure di distanziamento da rispettare".  Lo ha detto il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, rispetto alle conclusioni dello studio. 
"Al di là degli aspetti tecnico-scientifici utilizzati da questi bravi ricercatori - aggiunge Zaia - colpisce positivamente l'assonanza di quanto studiato con alcune delle principali domande e preoccupazioni che la gente pone, cercando di capire come difendersi meglio. Questi scienziati - conclude Zaia - hanno quindi profuso il loro sapere in una delle ricerche forse più vicine in assoluto alle necessità delle persone comuni".