Covid Veneto, bollettino del 1° maggio: 914 nuovi casi e 20 decessi
Covid Veneto, bollettino del 1° maggio: 914 nuovi casi e 20 decessi

Venezia, 1 maggio 2021 Dopo il calo registrato negli ultimi giorni, torna a salire il dato dei nuovi positivi al Covid in Veneto: oggi sono 914, 126 in più rispetto al bollettino comunicato ieri. In leggero aumento anche i decessi che nelle ultime 24 ore sono stati 20, ieri erano stati 14.

Dall’inizio della pandemia il totale dei casi riscontrati nella Regione sono 412.813, mentre il numero dei decessi è salito a quota 11.350.

Ancora in calo ricoveri e terapie intensive

Prosegue stabile invece, da ormai quasi due settimane, la discesa dei numeri che riguardano la pressione sugli ospedali. I pazienti ricoverati per malattia Covid e che occupano i reparti ordinari sono 1.217 (-65), mentre quelli che si trovano nelle terapie intensive sono 188 (-3).

In Veneto attualmente i positivi sono 21.776, nelle ultime 24 ore sono guarite 116 persone.

Covid Veneto, bollettino 30 aprile: 788 casi e 14 decessi. Record di vaccinazioniCovid, variante indiana: 2 casi dopo rientro dal Bangladesh Professore dell'Università di Padova difende Crisanti: "La scienza non può diffamare"Padova, la Procura apre inchiesta su forniture test rapidi per il Covid -

Vaccino, completato il 10,4% dei cicli

Le dosi di vaccino somministrate ieri in Veneto fino alla mezzanotte sono state 48.520. Il totale delle iniezioni effettuate dall’inizio della campagna vaccinale sale così a 1.673.679, pari al 90,9% delle forniture disponibili.

Rispetto alle somministrazioni di ieri, 31.751 erano prime dosi mentre i richiami sono stati 16.769. I residenti in Veneto ad aver ricevuto almeno una dose sono 1.125.568, pari al 23,1% della popolazione. Ad aver completato il ciclo sono invece 507.818 persone, ovvero il 10,4% dei cittadini veneti. Il totale delle vaccinazioni, che comprende anche lavoratori fuori regione e domiciliati, è di 1.150.580 per le prime dosi e 523.099 per i richiami.

Analizzando i numeri divisi per fasce d'età, gli over 80 con almeno una dose sono il 95,5%, mentre per gli ultrasettantenni la percentuale è del 70,5%. Le persone oltre i 60 anni con almeno una somministrazione sono il 23,6%. I cittadini disabili con almeno una dose sono il 66,8%, i soggetti vulnerabili il 56,1%.