Venezia, 14 maggio 2021 I numeri del Covid in Veneto degli ultimi giorni si confermano i più bassi della seconda ondata del virus. I contagiati sono 453, 15 in meno rispetto ai dati comunicati ieri. Segno meno anche per quanto riguarda i decessi: sono 6 (-3). A fronte dei 29.189 tamponi effettuati nella Regione, il tasso d’incidenza è dell’1,55%.

Da febbraio 2020 il totale degli infetti è di 419.558, mentre le vittime sono 11.475. Gli attualmente positivi sono 16.735 (-376). Dall’inizio della pandemia sono stati processati 5.201.740 tamponi molecolari e 4.566.037 test rapidi.

In calo ricoveri e terapie intensive

Ancora in discesa il dato sugli ospedalizzati, numeri incoraggianti che si confermano ormai da settimane. I ricoverati per malattia Covid-19 negli ospedali veneti sono 1.046 (-35): di questi 916 (-30) si trovano in area non critica, mentre 130 (-5) sono in terapia intensiva. I dimessi, e quindi i guariti, totali sono 21.207.

Covid Veneto, bollettino 13 maggio: oggi 468 contagi, 9 decessi - Indice Rt regioni e Italia oggi: i dati aggiornati del 14 maggio

Vaccino, completato il 12,9% dei cicli

Sono state 42.675 le dosi di vaccino somministrate ieri in Veneto, per un totale di 2.200.642 inoculazioni dall'inizio della campagna di immunizzazione: il 91,7% delle forniture ricevute. I residenti che hanno già completato il ciclo sono quindi 647.475, il 12,9% della popolazione. Sono invece 1.540.367, il 31,6%, i veneti che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino.

Zaia: “Non troppo lontani dalla zona bianca

Consueta conferenza stampa post comunicazione del bollettino per Luca Zaia, presidente della Regione Veneto. Buone le notizie: “L’indice Rt è a 0,88 e quindi abbondantemente sotto l’1. Ma il dato migliore che fa ben sperare è quello sull’incidenza del virus negli abitanti – afferma il governatore -. In Veneto è del 67,5 su 100.000 cittadini. Con 17,5 punti in meno, a 50, ricordo che scatta la zona bianca. Buoni anche i dati sulle terapie intensive. Parametri che fanno ben sperare. Come si dice, dopo la pioggia viene il sereno”, ha detto.

Da oggi vaccino ai 40enni, poi a tutti”

“Dalle ore 16, in anticipo rispetto alla giornata di lunedì indicata dalla struttura commissariale, è possibile per i 40enni prenotarsi per il vaccino”, ha aggiunto Zaia nel corso della conferenza stampa, invitando la classe d'età precedente, 50-59 anni, ad affrettarsi “perchè dal pomeriggio entreranno nel sito altre 742mila persone. In questo momento ci sono 200mila posti liberi”, ha detto.

E una volta finite le prenotazioni per le vaccinazioni della fascia 40-49, il governatore ha fatto sapere che "si andrà ad un via libera tutti, cioè non si procederà più per target d'età, che finora è stato il sistema migliore. E non servirà presentarsi ai centri con la carta d'identità”. Con l’occasione Zaia ha anche annunciato la disponibilità dell’app ‘SanitàKmZero’ dove è possibile prenotare la somministrazione direttamente dallo smartphone.

L’apertura delle prenotazioni è stata accolta con grande entusiasmo dai cittadini veneti, stando a quanto riportato dalla stessa Regione nelle ore serali di venerdì: sono 176.271, infatti, le prenotazioni già registrate secondo il dato aggiornato alle 20.15.