Bollettino Covid Veneto del 18 novembre 2021
Bollettino Covid Veneto del 18 novembre 2021

Veneto, 18 novembre 2021 - Ancora incremento di contagiati da Covid in Veneto: i nuovi casi registrati oggi sono 1.603 (ieri poco meno di 1.500), a fronte dell’effettuazione di 20.538 tamponi molecolari e 96.585 antigenici.  Sono 168 in più rispetto ai 1.435 di ieri. Veneto e Marche zona rossa nella mappa europea Ecdc. La situazione

Contagi oggi, il bollettino dell'Emilia Romagna del 18 novembre 2021. Boom di nuovi casi - Covid, Germania nell'incubo: 65mila casi oggi. Intensive piene, paziente portato in Italia - Diecimila contagi Covid: rischio zona gialla. Incubo per ristoranti, cinema e disco

I Veneti che oggi si trovano in isolamento a causa del coronavirus sono  quasi mille in più. Oggi infatti in quarantena sono 18.628, 980 in più in sole 24 ore. Il totale degli infettati dal virus da inizio pandemia sale dunque a 496.329.

Sotto pressione in Veneto gli ospedali del Padovano e del Vicentino

Sono 4 i decessi a causa del Covid registrati oggi. il numero dei morti in Veneto per la pandemia sale dunque a 11.892. Per quanto riguarda la situazione ospedaliera le persone ricoverate sono 413: di queste 351 sono nei reparti ordinari (+2) e 62 sono in terapia intensiva (lo stesso numero di ieri).
 

Ad essere maggiormente sotto pressione sono gli ospedali di Padova e Vicenza.  In particolare nel capoluogo euganeo ci sono 36 persone ricoverate nei reparti ordinari (e 10 in terapia intensiva) nell'azienda ospedaliera e 19 al S.Antonio da Padova. Nel nosocomio di Vicenza 40 le persone con problemi di salute legati al Covid cui si aggiungono 3 più gravi in rianimazione. Dati che si aggiungono ai 16 ricoverati (più 2 in terapia intensiva) all'ospedale Santorso, e ai 9 (+2) a quello di Bassanno del Grappa, sempre nel Vicentino.

Padova record di contagi: la situazione nelle province del Veneto

É ancora Padova nell'occhio del ciclone per la situazione dei contagi: i nuovi casi nelle ultime 24 ore sono stati 495 e le persone in quarantena oggi nel territorio della provincia sono attualmente 3.769.

Con questi numeri il Padovano diventa anche primo per numero di contagiati da inizio pandemia: 96.546 casi, seguito da Verona con 96.350 e Treviso con 92.568. Venezia è a 81.550, Vicenza a 81.020; seguono a molta distanza Belluno con 23.528 e Rovigo con 16.814. Seconda oggi per nuovi casi è Treviso: sono 308 mentre in isolamento sono 2.597.

Quindi Venezia con 251 con, però, un numero più alto di residenti in quarantena, 3.065. Vicenza, che è segnalata oggi dalla Fondazione Gimbe come una delle province a maggior incidenza di contagi nelle ultime 4 settimane in Italia insieme a Padova (con oltre 150 casi ogni 150 mila abitanti) ha registrato 233 nuovi casi e ha 2.951 persone in isolamento. A Verona 186 contagiati in 24 ore e 2.346 positivi costretti a misure restrittive tanti pandemia.

Infine 59 casi a Belluno (477 in isolamento), 48 a Rovigo (560) e 23 casi tra domiciliati fuori Veneto o in corso di assegnazione (2.863).
Bollettino Covid Veneto ogggi 18 novembre 2021

La campagna vaccinale in Veneto

Le dosi somministrate nelle ultime 24 ore in Veneto sono state 17.211: di queste le prime dosi sono state 'solo' (secondo un andamento comunque diffuso e nonostante gli appelli rivolti ai no vax e a chi non ha potuto vaccinarsi finora) 1.237; 3.826 i cicli completati. ben 12.148 invece le dosi addizionali che hanno riguardato finora 236.906 persone (il 4,9% della popolazione).
Gli immunizzati, in Veneto, sono il 74,6% dei residenti, percentuale che sale al 76,5% con anche le prime dosi. Secondo i dati diffusi dal bollettino della Regione Veneto, inoltre, è all'82,8% la popolazione over 12 che ha completo il ciclo, compresi le dosi somministrate fuori Regione). 
Tra questi vi sono il 97,6% di over 80, il 91,2% di 70-79enni, l'88,3% dei 60-69enni, il 63,7% dei 50-59enni, il 77,7% dei 40-49enni, il 76,4% dei 30-39 enni, l'080,7% dei 20-29enni e il 67,6% dei 12-19enni.  
Covid Veneto, Zaia: "Restrizioni ai no vax? Solo in zona gialla"


Fondazione Gimbe: oltre la soglia tutte le province venete, in particolare Padova e Vicenza

Il Veneto, con le province di Padova e Vicenza, finisce tra quelle segnalate dalla Fondazione Gimbe, ente terzo senza fine di lucro che si occupa di analizzare l'andamento della Pandemia, elaborando i dati ufficiali.

Peggiora anche in Veneto la situazione del Covid nell'ultima settimana (10-16 novembre). Secondo il monitoraggio della fondazione Gimbe sono arrivati a 347 i casi attualmente positivi per 100.000 abitanti, e si è evidenziato un aumento dei nuovi contagi (+37,8%) rispetto alla settimana precedente. Sotto soglia di saturazione i posti letto in area medica (4,7%) e in terapia intensiva (5,8%) occupati da pazienti Covid-19.
Quanto ai vaccini, la popolazione che ha completato il ciclo di immunizzazione è pari 75,9% (media Italia 76,8%) a cui si aggiunge un ulteriore 2,3% (media Italia 2,3%) solo con prima dose. Il tasso di copertura vaccinale con dose booster è del 39,8% (media Italia 53,3%).
Il tasso di copertura vaccinale con dose aggiuntiva è del 51,8% (media Italia 59,6%). Questo, nell'analisi di Gimbe, l'elenco dei nuovi casi per 100.000 abitanti dell'ultima settimana suddivisi per provincia: Padova 179; Vicenza 152; Treviso 147; Venezia 145; Belluno 119; Rovigo 108; Verona 105. 

In tutte le Regioni italiane, tranne Calabria e Umbria, si rileva un incremento percentuale dei nuovi casi, con variazioni che vanno dal 0,7% della Regione Puglia al 180% della Valle d'Aosta. 
In 84 Province si registra un'incidenza pari o superiore a 50 casi per 100.000 abitanti: in Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Campania, Lazio, Liguria, Marche, Umbria tutte le province raggiungono o superano tale soglia. In 7 province in particolare si contano oltre 150 casi per 100.000 abitanti: Trieste (638), Bolzano (402), Gorizia (369), La Spezia (248), Forlì-Cesena (219), Padova (179) e Vicenza (152).  "Di fronte a questi numeri - conclude Cartabellotta - è inaccettabile che gli amministratori non abbiano introdotto restrizioni locali, seppur impopolari, accettando il rischio che la diffusione del contagio trascini l'intera Regione in zona gialla". 
 

Veneto segnalato tra le 7 regioni a rischio anche da Altems

Sono sette le regioni e una la Provincia Autonoma che si trovano in uno scenario di rischio Covid, ed è in particolare allarme per le Regioni del Nord-Est. È quanto risulta dal report settimanale dell'Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell'Università Cattolica. Le 7 regioni sono Friuli-Venezia Giulia, Veneto, Val d'Aosta, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Liguria più la Provincia autonoma di Bolzano. L'indice di rischio di Altems tiene conto della quota dei nuovi positivi tra i testati, di incidenza dell'infezione, lo stress sulle terapie intensive, la mortalità e i non vaccinati

 

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

No vax e no Green pass reclutavano 'guerrieri' su Telegram, nuove perquisizioni

Zona gialla a Natale? Le ipotesi, dal lockdown per non vaccinati al Green pass breve