MARIO TOSATTI
Cronaca

Treviso, denaro contante trafugato in aeroporto: 565mila euro mai dichiarati alla dogana

I passeggeri transitavano allo scalo Canova con i soldi nascosti negli indumenti. Segnalate 33 persone per illeciti valutari

i controlli dei bagagli con il cash dog

i controlli dei bagagli con il cash dog

Treviso, 3 luglio 2023 - I funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli in servizio all’ufficio delle Dogane di Treviso e le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Treviso, hanno intercettato nel corso del primo semestre dell’anno denaro contante per 565 mila euro, sanzionando per illeciti valutari 33 persone transitate con al seguito denaro per importi compresi tra 10 mila e 60 mila euro presso il locale scalo aeroportuale ‘Antonio Canova’. Un risultato che ha già permesso di superare gli esiti delle attività ispettive concluse nell’anno 2022, durante il quale è stata intercettata valuta per 477 mila euro e contestata a 31 persone la violazione della normativa sulla circolazione transfrontaliera di denaro contante che prescrive, prima di un viaggio in partenza o in arrivo sul territorio nazionale, la compilazione di una specifica dichiarazione doganale nel caso in cui si abbia al seguito contante per importi pari o superiori a 10mila euro. I casi di maggior rilievo e il ‘cash dog’.

Nello specifico nel primo semestre dell’anno uno dei casi più rilevanti riguarda un cittadino ghanese in arrivo da Malta con al seguito 37 mila euro. A questo caso se ne aggiungono altri, come un cittadino moldavo proveniente dalla Spagna con al seguito 20 mila euro e, negli ultimi giorni, a un cittadino greco in partenza per l’Olanda, trovato in possesso di 60 mila euro. Tra le diverse tecniche, utilizzate dai trasgressori per nascondere il denaro, si annovera l’occultamento sia sugli indumenti che nei bagagli, non in grado, tuttavia, di eludere il dispositivo di vigilanza e il fiuto delle unità cinofile antivaluta ‘cash dog’. A seguito dell’ispezione, oltre alle contestazioni amministrative, vengono effettuati specifici approfondimenti finalizzati a riscontrare la coerenza dei dati reddituali e patrimoniali con l’ammontare della valuta trovata in possesso dei viaggiatori controllati, verificando se siano oggetto di segnalazioni di operazioni sospette di riciclaggio, nonché se siano percettori di reddito di cittadinanza o di emergenza, ovvero beneficiari di alloggi popolari o in emergenza abitativa.