Turisti
Turisti

Jesolo (Venezia), 20 settembre 2021 – Chiude con un segno positivo la stagione balneare veneta, l’estate ha registrato la ripresa del turismo su tutta la riviera. I dati confermano che in Veneto, per le strutture ricettive, è stata una buona stagione. Turismo in ripresa dopo la crisi del settore dovuta alla pandemia: dopo un avvio un po’ fiacco nel mese di maggio - dovuto alle incertezze sulle limitazioni anti-Covid e sulle regole da seguire rispetto alle fasce di colori regionali - tra luglio e settembre i numeri dei clienti hanno superato perfino i bilanci dell'anno precendente alla pandemia, il 2019.

“È stata una stagione al di sopra delle aspettative”, ha detto Alberto Maschio, coordinatore Federalberghi Spiagge Venete, nel commentare i dati emersi da una ricerca con il sistema H-Benchmar e resi noti oggi da Jesolo. “Già a inizio estate vedevamo un interesse molto maggiore rispetto al 2020 – ha continuato – , ma non pensavamo ad un andamento così importante, con numeri che, in alcune occasioni, sono stati da pre-Covid19”. Da maggio e fino al 15 settembre, l'occupazione media negli alberghi della costa è stata del 74,1%. Un dato medio che è condizionato all'andamento fiacco di inizio stagione, con maggio che ha fatto registrare il 24% e giugno il 55% di occupazione media. Negli altri mesi, i dati statistici sono esplosi, registrando presenze di turisti addirittura superiori al 2019: luglio 82% (80% nel 2019), agosto 91% (86% nel 2019) e settembre 82% (76% nel 2019).

“Da sottolineare il grande ritorno delle presenze straniere, che sono fondamentali. È chiaro, però, che una stagione come questa, al di sopra delle aspettative, non risolve del tutto i problemi che la pandemia ha creato”, conclude Maschio allargando la visione ad un settore complesso come quello alberghiero. È arrivata dall’Italia il 44% della clientela che quest’estate ha trascorso le vacanze sulle spiagge del Veneto, mentre il 56% è arrivato dall'esteroil 27,1% dalla Germania, il 20,5% dall’Austria e il 4,3% dalla Svizzera. Interessante evidenziare come il 45,2% abbia prenotato direttamente chiamando la reception degli alberghi e solo il 9,9% attraverso il sito web della strutturaVeneto: tornano i clienti stranieri, gli agriturismo fanno il pieno di prenotazioni