Quotidiano Nazionale logo
7 gen 2022

Vicenza, sequestrate 134 mila mascherine Ffp2 non regolari

Le fiamme gialle hanno individuato un deposito a Santorso con migliaia di dispositivi con etichette ingannevoli. Denunciato il titolare

Guardia di Finanza (immagini di repertorio)
Guardia di Finanza (immagini di repertorio)

Vicenza, 7 gennaio 2022 – Informazioni contraddittorie sulle mascherine individuate dalla Guarda di Finanza in un magazzino a Santorso e poste sotto sequestro.

I finanzieri del Comando Provinciale di Vicenza hanno eseguito il sequestro probatorio d'urgenza di 134mila mascherine facciali monouso ''Ffp2'' con un'etichettatura ingannevole. In seguito a una segnalazione da parte del Nucleo Speciale Beni e Servizi della Guardia di Finanza, i militari della Compagnia di Schio hanno compiuto un accesso ispettivo nella sede operativa di una società di capitali a Santorso.

Sono state individuate 134.000 mascherine per le quali sono state riscontrate alcune violazioni alla normativa in materia di requisiti di sicurezza.

Approfondisci:

Covid Veneto, 7 gennaio 2022: corrono i contagi, Zaia in diretta alle 12.30

Ovvero: senza il riferimento al Regolamento 425/2016; prive della dichiarazione di conformità Ue; con etichetta "nr" per specificare che le si potevano usare al massimo otto ore, ma in contrasto con la dicitura, riportata sulla stessa etichetta, "non indossare per più di 12 ore".

Dunque, "la merce era tale da ingenerare nell'acquirente una falsa aspettativa in merito alle proprietà (e nello specifico, all'utilizzabilità) dei prodotti", sintetizza la Gdf. I militari hanno pertanto eseguito il sequestro probatorio d'urgenza dei dispositivi, di un valore commerciale di 46.900 euro.

L'amministratore della società di capitali è stato segnalato alla Procura di Vicenza per frode nell'esercizio del commercio e commercio di dispositivi di protezione individuale non conformi ai requisiti essenziali di sicurezza, mentre la stessa srl è stata segnalata per responsabilità amministrativa per il reato da parte del suo rappresentante di vertice. L'autorità giudiziaria, a sua volta, ha emesso un decreto di convalida.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?