Quotidiano Nazionale logo
5 apr 2022

Vicenza, Z scritte sulla casa di una donna Ucraina. Cecchetto: "Cattiveria e inciviltà"

L'atto vandalico è successo a Montecchio Maggiore. Le lettere Z, simbolo dell'invasione russa, sono state scritte sul palazzo dove la donna aveva esposto le bandiere dell'Ucraina a sostegno dei parenti rimasti in patria

featured image
Il palazzo vandalizzato

Vicenza, 5 aprile 2022 – “Sfregiata” l’abitazione dove vive una donna ucraina: una serie di lettere Z sono apparse sul muro del palazzo, simbolo della propaganda per l’invasione russa. È successo oggi a Montecchio Maggiore, nel Vicentino. Qualcuno ha disegnato con la vernice a spray la stessa lettera che da settimane compare nei territori di guerra: sui carri armati, sulle divise dei soldati e i muri delle città ucraine. “Un gesto di stupidità e inciviltà ingiustificabili. Se qualche residente o passante ha visto qualcosa, lo prego di rivolgersi alle autorità affinché i responsabili vengano rintracciati e puniti". È l’appello lanciato da Milena Cecchetto, consigliera dell'Intergruppo “Lega - Liga Veneto” in consiglio regionale, a fronte del vandalismo avvenuto nel Comune del Vicentino.

Approfondisci:

Ucraina news: Zelensky scuote l'Onu. Nuove sanzioni Ue, la minaccia di Putin

"Episodi come questi sono un insulto per tutti i cittadini del nostro Comune – continua la consigliera regionale, ex sindaca di Montecchio Maggiore –: una nostra concittadina ha esposto una bandiera ucraina dalla finestra, segno di vicinanza e preoccupazione per i parenti che stanno vivendo la guerra. Qualche idiota, perché non si può definirlo che così, armato di bomboletta spray ha imbrattato tutta la base del palazzo in cui questa donna vive con la sua famiglia e i suoi bambini, circondandolo con tutta una serie di 'Z', simbolo dell'invasione russa
a sostegno della guerra in Ucraina. Spero che i responsabili vengano individuati e denunciati, che la punizione sia esemplare oltre a far loro ripulire gli imbrattamenti".

Approfondisci:

Guerra Ucraina, il Veneto ha già accolto 11mila profughi in fuga

"Montecchio Maggiore è un Comune conosciuto per solidarietà e accoglienza – aggiunge l’ex sindaca della città – questo gesto è sintomo di stupidità, inciviltà e ignoranza, oltre che cattiveria. Invito qualsiasi residente, condomino o passante che abbia assistito alla scena a fornire dettagli alle forze dell'ordine affinché i colpevoli vengano individuati".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?