Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
8 feb 2022

Covid Veneto 8 febbraio, 41 decessi e 11.201 contagiati. Zaia: "Vediamo terra"

Zona bianca entro 10 giorni, ma il Governatore annuncia da subito la riapertura delle visite in ospedali e Rsa e il recupero di 265 mila visite ambulatoriali

8 feb 2022
featured image
Bollettino Covid Veneto 8 febbraio 2022
featured image
Bollettino Covid Veneto 8 febbraio 2022

Veneto, 8 febbraio 2022 - "Penso che stiamo vedendo terra e che non si torna più indietro". Lo ha annunciato oggi il Governatore Luca Zaia durante la diretta per fare il punto sulla situazione del Covid 19, dopo che ieri aveva annunciato, a margine di un altro evento, che la Regione sta ormai "andando verso la zona bianca con tutte le curve di tutte le province in calo. L'attenzione deve restare alta, ma penso che il virus ormai si sia endemizzato". 

Approfondisci:

Covid Veneto 9 febbraio, il bollettino di oggi. "Novavax, conto alla rovescia"

GLI ALTRI BOLLETTINI / Emilia RomagnaMarche - Italia

Approfondisci:

Covid, cosa cambia l'11 febbraio: mascherine e discoteche

Approfondisci:

Novavax in Veneto, quando arriva. Zaia: "Apriremo linee vaccinali dedicate"

Ma il presidente ha annunciato due novità: da subito, anche se non c'è ancora il ritorno in zona bianca, previsto tra una settimana o dieci giorni, si potrà tornare a fare visita a parenti in ospedale o Rsa. Inoltre ripartono le prestazioni ambulatoriali non urgenti, che erano state sospese a dicembre, col passaggio in zona gialla. 

Le notizie di oggi riguardanti il Covid Veneto:

Verso la zona bianca: la previsione

"Le terapie intensive sono al 15% dell'occupazione dei posti letto l'area medica al 25%. La proiezione tra sette giorni è area medica al 20,9%, intensiva 11,7% - spiega il Governatore del Veneto -. Per quanto riguarda l'incidenza è impossibile andare in zona bianca; anche per quanto riguarda i ricoveri in area critica non riusciamo; invece possiamo pensare di passare in zona bianca per il parametro della terapia intensiva. In una settimana o dieci giorni dovremmo essere in zona bianca".
"C'è inversione di rotta, siamo in discesa, è innegabile - ha sottolineato Zaia -. É vero che questo numero dei contagi è comunque importante, che comunque non porta ad esplosione dell'ospedalizzazione che invece avremmo avuto se non ci fosse stata la vaccinazione. Con 2 dosi di vaccino incidenza di ricoveri e morti tra gli over 90 è 98 su 100 mila, con terza dose 9 su 100 mila. Over 80: incidenza è di 287 ricoverati su 100 mila casi con due dosi di vaccino, con terza dose scende a 47 su 100 mila. Chi non sioè ancora vaccinato si deve vaccinare. Purtroppo tutti i giorni abbiamo notizia di persone intubate o che sono decedute che pensavano che il vaccino non servisse.

265 mila prestazioni ambulatoriali da recuperare

"Abbiamo 264.754 prestazioni specialistiche ambulatoriali da recuperare - ha detto Zaia -. Lo facciamo velocemente. Erano visite a 30 giorni, non urgenti, sospese a dicembre (col passaggio in zona gialla, ndr), di varie branchie. Fiduciosi di tornare a regime nel giro di qualche mese. Le prestazioni urgenti vengono sempre garantite". 

Ospedali e Rsa: riaprono subito le visite

"Abbiamo scritto una lettera ufficiale: è una scommessa. Vogliamo riaprire le viste. Se hai le tre dosi o due dosi e una guarigione o hai fatto tampone, puoi andare a fare visita, negli ospedali e anche nelle Rsa. Vogliamo buttare il cuore oltre all'ostacolo e tornare verso la normalità. Bisogna andare dentro uno alla volta. Se il virus torna su dovremo richiudere. Apriamo anche se ci troviamo in zona gialle: è un'iniezione di fiducia.
Abbiamo 9 mila pazienti in ospedale, la solitudine è una tragedia e fa aggravare"

I dati del bollettino Covid di oggi

I nuovi casi oggi sono 11.201, il totale dei contagiti oggi in Veneto è di 156.004 persone. I morti sono 41: il totale va a 13.414. I ricoverati sono 1.901, di cui 1.745 (+34) nei reparti ordinari e 156 (-4) in terapia intensiva.

"Per passare in zona bianca,  importante - sottolinea Zaia - è continuare a usare mascherina, la 'museruola', e lavarsi le mani. Le vite complicate erano quando eravamo in lockdown: negli ultimi 24 mesi portando le mascherine molti non hanno più avuto neanche un raffreddore. Ora il virus è meno aggressivo, grazie anche alla vaccinazione".

É la provincia di Padova oggi a registrare il maggior numero di contagi: 2.213. Il totale delle persone in quarantena sale dunque a 26.639. Segue, per numero di persone risultate positive al tampone nelle 24 ore, Vicenza con 2.061 casi e 27.151 residenti in isolamento. Terza per numero di nuovi casi è la provincia di Verona: 2.014; i veronesi costretti a misure restrittive per il Covid 19 sono 36.685, il numero più elevato tra tutti i territori veneti. 
Nella provincia di Treviso i contagiati sono 1.896, le persone in quarantena 23.101; nella Città metropolitana di Venezia 1.852 nuovi casi ed un totale di contagiati di 21 521. Nella provincia di Rovigo 504 contagiati e 5.844 in isolamento, in quella di Belluno 445 e 4.946. Nel conteggio rientrano 216 casi di persone domiciliate fuori provincia o di casi in corso di assegnazione (10.117).

La campagna vaccinale nel Veneto

"Oggi siamo all'89% di vaccinati sulla popolazione vaccinabile (l'80,4% sul totale dei residenti) e al 32,1% nella fascia 5/11 anni. Abbiamo ancora 450 mila veneti da vaccinare". Lo ha detto in conferenza stampa Luca Zaia. dal bollettino di oggi risulta che nelle ultime 24 ore si sono vaccinati 18.043 veneti ma solo 771 hanno effettuato la prima dose e 3.413 la seconda. La maggior parte, dunque, pari a 13.859 persone, ha fatti ricorso alla terza dose (60% della popolazione). 

Vaccino Novavax: "Apriremo linee dedicate"

"Sabato sono arrivate le pasticche di antivirale Pfizer ed abbiamo iniziato a somministrarle. Ora incrociamo le dita per l'arrivo del Novavax, chiesto da tanti. Spero sia questione di settimane. Figliuolo mi ha garantito che gli ordini sono partiti. Il Novavax è molto richiesti dai No vax: quando arriverà apriremo linee apposite di somministrazione".

Approfondisci:

Covid Veneto, falla nel portale di prenotazione dei tamponi: Zaia: "Intollerabile"

Approfondisci:

Green pass illimitato: chi può averlo e cosa cambia da oggi 7 febbraio

I dati Agenas: ricoveri Covid stabili in Veneto 

In Italia rimane al 15% la percentuale di terapie intensive occupate da pazienti con Covid-19. Lo comunica l'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas). La percentuale media sale in alcune regioni,tra cui l'Emilia Romagna (16%), scende in altre, tra cui Friuli Venezia Giulia (che è a quota 23%), provincia autonoma di Bolzano (11%), provincia autonoma di Trento (con -3% scende al 23%) e resta stabile in alcuni territori tra cui il Veneto (14%). Stabile, ma al 23%, in Veneto anche l'occupazione dei posti letto Covid nei reparti ordinari. 

Approfondisci:

Covid nuovi sintomi: con Omicron anche prurito e irritazione cutanea

Approfondisci:

Mascherine all’aperto: come funziona in Europa. Dalla Francia alla Germania

Falla nel sistema di prenotazione dei tamponi

Una falla è stata scoperta nella piattaforma dedicata alla sorveglianza Covid del Veneto, il portale aperto poche settimane fa per far fronte al numero di persone che avevano bisogno di un tampone. È lo strumento attraverso il quale è possibile prenotare il test e scaricare i documenti personali di avvenuta guarigione. Il portale è stato 'congelato' in attesa che venga risolto il bug informatico.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?