Venezia, 3 ottobre 2021 - La Città di Venezia al centro oggi della ribalta internazionale con il lancio della candidatura a Capitale mondiale della Sostenibilità all’Esposizione Universale di Dubai, la manifestazione che ha preso il via venerdì primo ottobre negli Emirati Arabi Uniti e che coinvolge 192 Paesi di tutto il mondo. 
Expo Dubai 2021: date e cosa vedere nel padiglione Italia
L’evento, che si svolge con un anno di ritardo, punterà l’attenzione fino al 31 marzo 2022 sul tema Connecting Minds, Creating the Future (Collegare le menti, creare il futuro). Durante questi sei mesi i Paesi partecipanti presenteranno al mondo il meglio delle loro idee, progetti, modelli innovativi rispetto a mobilità, sostenibilità e resilienza. 

Se si salva Venezia, si salvano tutte

Nella prima settimana tematica dedicata al Cambiamento climatico e Biodiversità in corso al Padiglione Italia, la Città di Venezia è stata proposta come modello internazionale per il contrasto agli effetti dei cambiamenti climatici e la promozione di processi innovativi di transizione ambientale, innovazione culturale e sociale, con la consapevolezza che se si salva Venezia, tutte le altre città del mondo a rischio potranno essere tutelate. 

Brugnaro: "Primo rischio: innalzamento dei mari"

“Abbiamo candidato Venezia a diventare Capitale mondiale della sostenibilità - ha dichiarato il sindaco della città lagunare Luigi Brugnaro - : dobbiamo fare squadra, metterci in gioco e trovare soluzioni concrete ai problemi attuali attraverso la scienza, la cultura, la tecnica e l’innovazione. Venezia, oltre a essere la città più bella del mondo, è anche molto fragile come dimostrano gli effetti dovuti ai cambiamenti climatici in corso, primo fra tutti l’innalzamento dei mari”.
Venezia, il mare si alzerà di 120 centimetri entro il 2100: lo studio di Ca' Foscari
Il sindaco ha quindi parlato del Mose “grande opera d’ ingegneria dell’uomo in grado di difendere la città dall’acqua che è necessario portare a termine”; del rilancio di Porto Marghera come polo per la produzione di energie alternative per attuare la decarbonizzazione. 
Nasce Fondazione Venezia capitale mondiale Sostenibilità: case, idrogeno, green economy


Lippiello: gemellaggio Italia Cina tra le città d'acqua di Venezia e Suzhou

“In 1600 anni di storia fatta di multiculturalismo, commercio internazionale, spirito imprenditoriale, arte e scienza, Venezia si è rivelata un laboratorio vivente radicato nel passato ma rivolto al futuro - ha dichiarato la rettrice dell'università veneziana Ca’ Foscari, Tiziana Lippiello -. Venezia capitale mondiale della sostenibilità rappresenta dunque un appuntamento decisivo per contribuire ad affrontare una sfida di respiro globale con il contributo, fondamentale, delle nuove generazioni”. 
La Rettrice, nel solco della collaborazione e degli scambi culturali tra Occidente e Oriente, ha inoltre annunciato la realizzazione, nel 2022 a Ca' Foscari, di una Esposizione dedicata a Venezia e alla città cinese di Suzhou, entrambe città d'acqua e da diversi anni gemellate. L'esposizione sarà uno degli appuntamenti dell'Anno della Cultura e del Turismo Italia-Cina 2022.

Obiettivo: Biennale della sostenibilità

É stato poi illustrato come i promotori della Fondazione Venezia Capitale mondiale della sostenibilità puntino a rendere la città un centro di rilievo mondiale per il dibattito scientifico accademico e culturale sui temi ESG (ovvero Ambiente, Sociale e Governance). Tra le proposte anche l’organizzazione di una 'Biennale della Sostenibilità' che riunisca ogni due anni istituzioni, accademici, esponenti del mondo dell’arte e delle scienze e imprese per discutere e proporre soluzioni sui temi relativi ai cambiamenti climatici.