Verona, 12 agosto 2021 – Torna in scena all'Arena di Verona lo storico Nabucco, questa volta però l'opera di Verdi vedrà il debutto con un un nuovo allestimento e un cast internazionale, acclamato da pubblico e critica. C'è attesa per la prima di domani sera, alle 20.45, nella splendida cornice scaligera. Il baritono romeno George Petean è ormai un richiestissimo specialista del repertorio verdiano: all'Arena di Verona, dove ha fatto il suo esordio assoluto la scorsa settimana, torna per un'unica recita come protagonista di Nabucco.

Accanto a lui, si conferma nell'impegnativa parte di Abigaille la soprano drammatica di agilità Anna Pirozzi, reduce dai festeggiamenti delle cento serate nel ruolo che l'ha consacrata nei teatri di tutto il mondo. Torna anche il grande basso polacco Rafał Siwek come Zaccaria, guida del popolo ebraico in difficoltà, e il tenore Carlo Bosi come Abdallo, fedelissimo ufficiale di Nabucco.

Nelle parti non protagoniste sono molti i debutti, a cominciare da Ismaele interpretato dal tenore Riccardo Rados, già applaudito nelle serate inaugurali del Festival; quindi in Fenena, figlia del tiranno Nabucco che si converte all'ebraismo, fa il suo esordio nel Festival 2021 il mezzosoprano Géraldine Chauvet, acclamata in Arena in diverse stagioni. Il baritono Nicolò Ceriani veste per la prima volta i panni del Gran Sacerdote di Belo ed il soprano Elena Borin quelli di Anna, sorella di Zaccaria. Il maestro Daniel Oren dirige l'Orchestra della Fondazione Arena, il Coro preparato dal maestro Vito Lombardi.

Arena Verona, Festival lirico al via con 6mila spettatori: applausi per l’Aida

Nuovo allestimento

Il nuovo allestimento dell'opera di Verdi - studiato dal team creativo areniano, in collaborazione con D-wok per le scenografie digitali e con immagini provenienti dal Museo Nazionale dell'Ebraismo Italiano e della Shoah di Ferrara – è stato realizzato con il patrocinio del Ministero della Cultura. La nuova produzione 2021 rispetta le situazioni drammatiche del libretto, che narra la deportazione a Babilonia del popolo ebraico per destinarlo alla schiavitù e alla morte, ricollocandole in un contesto storico che rimanda a quanto accaduto dalla fine degli '30 del Novecento in Europa.

Biglietti disponibili a partire da 24 euro. Ultime repliche i giorni 20, 26 agosto e 1° settembre. La settimana si conclude sabato 14 agosto con l'ultima rappresentazione di Cavalleria rusticana e Pagliacci: due imperdibili opere brevi nella stessa sera con un cast eccezionale guidato dalla star Roberto Alagna, che torna a sorpresa dopo il trionfale debutto, in un allestimento cinematografico e sorprendente. Per l'accesso all'Arena di Verona, sarà richiesto il Green Pass.

Arena di Verona, ‘tornano’ le 67 colonne crollate: raccolti 1,5 milioni