Quotidiano Nazionale logo
27 apr 2022

Elezioni Verona 2022, Tosi si ricandida. "A differenza di Sboarina, io so fare il sindaco"

L'ex 'sindaco sceriffo' torna nuovamente in campo per la terza volta. La sua candidatura rischia di spaccare ulteriormente il centrodestra, diviso su tre candidati

featured image
Flavio Tosi, 52 anni

Verona, 27 aprile 2022 – Tosi torna in campo a Verona, l’ex “sindaco sceriffo” si ricandida per la terza volta alla guida della città. Una candidatura scomoda, che rischia di spaccare il centrodestra scaligero, quella di Flavio Tosi, 52 anni, appoggiato dagli azzurri locali. La Lega, invece, rema per Federico Sboarina, primo cittadino uscente.

Confermo che mi ricandiderò assolutamente, e per la terza volta, a sindaco di Verona. A livello locale vengo appoggiato da Forza Italia, a livello nazionale devono ancora decidersi”. Lo ha annunciato oggi lo stesso Tosi ai microfoni di Rai Radio1, ospite della trasmissione ‘Un Giorno da Pecora’. Tensione alle stelle tra Tosi e Sboarina, la spaccatura è evidente. “Non lo appoggio – ha sottolineato Tosi – perché in questi cinque anni è stato evanescente. A differenza sua, io so fare il sindaco”.

Sull'ipotesi che un centro destra diviso favorisca Damiano Tommasi, Tosi rileva: “Una degnissima persona, ma di professione faceva il calciatore, di esperienza amministrativa ne ha poca”. Su quale candidato sostenere a un eventuale ballottaggio, se sconfitto al primo turno, Tosi non ha dubbi: “Parliamo di una cosa impossibile, perché vincerò io”.

Approfondisci:

Comunali Padova, Giordani si ricandida alla guida della città. "Me lo chiedono i padovani"

Sindaco sceriffo, mano ferma sulla sicurezza

Era diventato famoso a livello nazionale per le sue posizioni inflessibili in tema di sicurezza, ma soprattutto nella politica sugli stranieri. “Mi avevano soprannominato ‘lo sceriffo’ – ricorda Tosi – perché sono efficace nel combattere violenza e degrado. Se ho anche la pistola? Sono un cacciatore e detengo regolarmente armi: ho tre fucili, una carabina e quattro pistole”.

“Ho una calibro 45 Pardini, una Browning, una Smith&Wesson da poligono – dice Tosi, facendo il punto sulle sue pistole – e una Berretta 635. Di queste quattro, due me le hanno regalate degli amici”. Ma non solo. “Ho una 45 Pardini, carica, ma non col colpo in canna. Cioè non è armata – ha aggiunto –. Per fortuna non ho mai sparato a nessuno e spero che non accada mai, bisogna essere prudenti e coscienziosi. Non me lo auguro, ma certo che se ti arriva uno in casa di notte, mi auguro, per me e per loro, che non accada mai”.

Sindaco per due mandati

Dopo aver mosso i primi passi in politica con la Lega, Flavio Tosi è stato sindaco di Verona per due mandati: eletto la prima volta il 31 maggio 2007, è stato riconfermato nel maggio del 2017. Appena eletto sindaco, ha chiuso il campo nomadi di Boscomantico, sgomberato l’ex scuola materna di Borgo Venezia occupata abusivamente dal centro sociale “La Chimica”. Tra i provvedimenti varati dalla sua giunta, le più note sono l'ordinanza anti-prostituzione e quella che vietava il consumo di cibo davanti ai monumenti cittadini: una scelta che aveva fatto scalpore, quando un bambino di quattro anni era stato multato per aver mangiato un panino davanti a Palazzo Barbieri.


 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?