Luca Zaia al Motor Bike Expo alla Fiera di Verona
Luca Zaia al Motor Bike Expo alla Fiera di Verona

Verona, 10 gennaio 2022 - Nessuna sospensione per la pandemia, benché il Veneto sia in zona gialla per contagi e ricoveri. 
É confermato il Motor Bike Expo, la quattro giorni per gli appassionati di moto in programma a Veronafiere da giovedì 13 gennaio a domenica 16: otto padiglioni aperti al pubblico per un totale di 600 espositori su un'area di 120.000 mq dove la moto personalizzata brilla accanto alla produzione di serie. 
Per il mondo Custom, Motor Bike Expo è la vetrina più prestigiosa, e proprio a Verona saranno svelate in anteprima assoluta le nuove creazioni del 2022: oltre cinquanta custom bike mai viste al mondo. 
Padova, rinviata 'per Covid' la fiera Itinerando che era in programma il 29 e 30 gennaio


Esibizione del campione del mondo di Trial Toni Bou 

Tra gli ospiti più attesi il trenta volte Campione del mondo di trial Toni Bou, che sabato e domenica si esibirà nel padiglione 8 in una sessione di salti, evoluzioni e ''tricks" che lasceranno tutti col fiato sospeso, gli artisti americani Ray Drea (Capo del dipartimento di design di Harley-Davidson dal 2012 al 2019) e Darren McKeag; il fotografo di fama mondiale Michael Lichter, l'inarrestabile Franco Picco di ritorno dalla Dakar.  

110 anni di Benelli: tutti i modelli

In occasione dei 110 anni di Benelli, a Motor Bike Expo la Casa pesarese esporrà tutti i modelli della nuova gamma, con i riflettori accesi sull'attesissima adventure bike TRK 800, che affianca la best-seller TRK 502 X. L'altra ''punta di diamante'' dell'esposizione sarà l'iconica Leoncino, nelle versioni 800, 800 Trail e 125. 
MBE sarà anche la vetrina per le ultime novità della gamma Ducati. Gli appassionati potranno scrutare da vicino gli ultimi modelli come Desert X, Panigale V4 S, Streetfighter e Multistrada. Quanto al mondo Custom, il lungo weekend veronese sarà occasione per la presentazione di cinquanta progetti innovativi, che si confronteranno nei vari stand e nei numerosi contest: Carlo Colombo di Asso Special Bikes presenterà cinque special completamente inedite e trenta moto in esposizione mentre Punto di Fuga presenterà a Verona un nuovo Sidecar: un progetto ''ibrido'', realizzato su meccanica Harley-Davidson con carrozzeria e richiami estetici Indian, che farà certamente discutere.  
Verona, Fieracavalli saltato l'ostacolo pandemia riparte con 2 week end e coppa del mondo
 


In Fiera il Custom district 

Per gli amanti del Custom, inoltre, una delle novità più ghiotte sarà l'allestimento, al Padiglione 1, del Custom District. Si tratta di un'area interamente dedicata alla cultura custom, caratterizzata dalla presenza di stand particolarmente scenografici, artisti, customizer e protagonisti della scena internazionale. Il tutto ruoterà attorno al palco Simpson, area baricentrica su cui faranno bella mostra di sé auto speciali ed hot rod. La nuova area a questo dedicato riunirà i grandi nomi della scena italiana e internazionale: una costellazione di preparatori e artisti tra i quali Abnormal Cycles, Boccin Custom Cycles, Boman, Dox, Low Society, Morgese, Moto Marinelli, Niko Bikes, PDF, Radikal Choppe. Il concetto della personalizzazione sarà declinato anche alle quattro ruote con la presenza di hot e street rod straordinari. 
Verona, al via 'Vinitaly Special Edition' dedicata all'export e al rilancio del mercato

Zaia: "Io, figlio di un meccanico, chirurgo di auto e moto"

"Fare il meccanico è un po’ come fare il chirurgo: mio padre era il chirurgo delle auto e delle moto". Lo ha detto Luca Zaia, partecipando  sabato all'evento di presentazione della Fiera MBE: “Lo voglio ricordare: sono figlio di un meccanico che ha condiviso con il papà Bepo anche le difficoltà di quel lavoro. Ricordo, ad esempio, che quando era tempo di revisioni, io e lui stavamo anche ore e ore in fila, di notte, al gelo in inverno e al caldo torrido in estate, per attendere il via libera dell’ingegnere".
Suo padre, ha detto il Governatore,"smontava e rimontava tutto ciò che avesse un motore e andasse a due o quattro ruote, sistemava – ingrassandolo e lavorando con precisione e passione – ogni ingranaggio che le componeva e, alla fine, le rimetteva in piedi, pronte per ripartire. Nella autofficina, stando a fianco di mio padre, ho sviluppato la passione per i motori. Ricordo l’attesa nel sentirli ruggire di nuovo. Ricordo la soddisfazione quando questo accadeva e avevo pure io le mani sporche di grasso. Non è un caso, quindi, che io abbia deciso di partecipare all’inaugurazione di Motor Bike Expo di Veronafiere: per me, da un lato, è un tuffo nel passato che rimane vivo e continua ad ardere dentro di me, e dall’altro lato, mi consente di condividere l’impegno e lo sforzo di un settore che ha subito, come molti altri, le restrizioni della pandemia da Covid-19. Oggi ci sono nuove sfide da affrontare: i costi dell’energia e la scarsità di materie prime stanno frenando il comparto meccanico della nostra regione, che ha qui anche un ricco indotto legato agli accessori e all’abbigliamento. Il mio auspicio è che questa edizione del Motor Bike Expo segni un punto di ripartenza, in linea con lo stile di vita che caratterizza gli appassionati di moto, fatto di coraggio, libertà e fiducia nel futuro”.
 

Le norme per il Covid

Sarà obbligatorio acquistare il biglietto online, avere il Super Green pass e indossare una mascherina Ffp2