Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
5 giu 2022

Verona: maxirissa sul Garda e molestie sul treno, una trentina di giovani sospettati

Indagini sui tafferugli nel corso del raduno convocato su TikTok a Peschiera del Garda. Il bis temuto non c’è stato, anche oggi spiagge blindate e controlli 

5 giu 2022
Frammenti da un video del maxi raduno a Peschiera del Garda
Frammenti da un video del maxi raduno a Peschiera del Garda
Frammenti da un video del maxi raduno a Peschiera del Garda
Frammenti da un video del maxi raduno a Peschiera del Garda

Verona, 5 giugno 2022 - Il raduno bis dei tiktoker ieri non c'è stato a Peschiera del Garda, mentre proseguono le indagini sui disordini, le rapine, i furti le molestie denuncianti nel corso della maxirissa del 2 giugno, continuano i controlli e le spiaggia restano blindate. Sarebbero stati una trentina i giovani responsabili delle molestie denunciate da una decina di ragazzine lombarde che erano salite a Peschiera del Garda (Verona) sul treno regionale Verona-Milano al termine di una giornata trascorsa a Gardaland, il 2 giugno scorso.  Cinque ragazzine hanno sporto denuncia In cinque fra le ragazzine molestate hanno presentato denuncia alla Polizia ferroviaria di Milano. In alcuni video pubblicati sui social si vedono gruppi di giovani invadere i binari della stazione, ma nella denuncia le vittime hanno raccontato che le aggressioni sul treno regionale hanno riguardato una decina di ragazzine, molestate mentre il treno era stato bloccato azionando il treno di emergenza.  "Stiamo facendo accertamenti su tutti i fatti che possono avere risultanze penali", commenta Carlo Bartelli, da pochi giorni nuovo dirigente della Squadra mobile della Questura di Verona, precisando che "stiamo procedendo con una ricostruzione dei fatti avvenuti giovedì in spiaggia, nell'abitato di Peschiera del Garda e sul treno; gli accertamenti sono in corso e proseguiranno", ha concluso.  Castelnuovo del Garda, parla il sindaco  Non ha dubbi il  sindaco di Castelnuovo del Garda, Giovanni Dal Cero, "gli autori delle aggressioni ai danni di un gruppo di adolescenti che stava tornando a casa in treno da Peschiera del Garda, dopo una giornata trascorsa a Gardaland, facevano parte molto probabilmente, anzi sicuramente, dei ragazzi protagonisti il 2 giugno della maxi rissa avvenuta sul lago di Garda". Proprio la località veronese di cui Dal Cero è primo cittadino è rimasta coinvolta insieme a Peschiera nei tafferugli che hanno avuto per protagonisti centinaia di giovani, molti dei quali minorenni. Il sindaco ricostruisce così l'accaduto: "l'altro ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?