Nella foto Toni Servillo
Nella foto Toni Servillo

Verona, 16 giugno 2021 - Sarà Toni Servillo con un monologo teatrale inedito 'Monsieur Baudelaire, quando finirà la notte?', su testo di Giuseppe Montesano ad aprire, il 21 luglio al Teatro Romano di Verona l'ottava edizione del Festival della Bellezza. Dodici al momento gli appuntamenti, che fanno parte dell'Estate Teatrale Veronese, suddivisi in due periodi: dal 21 al 25 luglio e dall'11 al 15 settembre.

Festival itinerante

Il Festival si snoda poi tra agosto e dicembre lungo un itinerario che va dall'Anfiteatro e l'Auditorium del Vittoriale, all'Isola del Garda, a Villa Mosconi Bertani in Valpolicella, al Teatro Bibiena a Mantova, al Giardino Torrigiani a Firenze, al Palazzo della Ragione a Padova, al Teatro Olimpico di Vicenza, scenari tra i più rappresentativi della storia artistica italiana. Altri luoghi di grande tradizione e suggestione saranno sede di quest'edizione del Festival e verranno comunicati nei prossimi giorni. In questi contesti, intellettuali e artisti propongono spettacoli e riflessioni sul valore della rappresentazione poetica, nell'accezione hegeliana della poesia come la più alta forma d'arte in quanto la più idonea a esprimere lo
spirito.

Protagonista Dante a 700 anni dalla morte

Figura centrale è Dante nella ricorrenza dei 700 anni dalla morte, col suo avventuroso viaggio nella condizione umana: ogni appuntamento è introdotto e ispirato da un suo verso, con connessioni tra la sua storia e quella dei luoghi degli eventi; Dante della Divina Commedia è uomo in esilio, Verona e il Veneto sono stati per lui luoghi cruciali.