Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
1 mag 2021

Verona, caso “Gratta e Vinci”: niente truffa nella doppia vincita

Si è conclusa l’indagine della Procura di Verona sull’uomo che aveva vinto 3 milioni di euro con due biglietti in appena 20 giorni: è stata solo fortuna, nessuna anomalia

1 mag 2021
featured image
'Gratta e Vinci', due vincite in 20 giorni: indaga la Procura di Verona
featured image
'Gratta e Vinci', due vincite in 20 giorni: indaga la Procura di Verona

Verona, 1 maggio 2021 – Solo molta fortuna, nessuna truffa. Si è conclusa l’indagine sulla doppia vincita milionaria, in appena 20 giorni, al “Gratta e Vinci” del 40enne residente in provincia di Mantova. Inizialmente la Procura di Verona aveva aperto un fascicolo di indagine per accertarsi che non ci fossero state anomalie, disponendo anche il sequestro di 2,4 milioni di euro su una vincita totale di 3.

Inchiesta archiviata

L’inchiesta è invece stata archiviata e la cifra tornerà invece al legittimo vincitore. Nessun riscontro, quindi, dalle verifiche svolte dalla Guardia di Finanza, su irregolarità o misteriose "soffiate" da parte di tabaccherie compiacenti, ma solo parecchia fortuna.

La vicenda

Lo scorso 4 febbraio l’uomo aveva vinto un milione di euro con un biglietto preso in una tabaccheria nel Modenese, poi il 24 dello stesso mese altri due milioni con un biglietto acquistato a Garda (Verona) assieme ad un amico, un veronese di 47 anni.

Movimenti sospetti

L'inchiesta era stata aperta in seguito alla segnalazione scattata dall'Uif, l'Unità di informazione bancaria della Banca d'Italia, che ha allertato la Guardia di Finanza dopo che l'uomo aveva disposto un bonifico di 800 mila euro sul suo conto corrente in un istituto di credito straniero.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?