Verona, completato il restauro della statua di Dante Alighieri
Verona, completato il restauro della statua di Dante Alighieri

Verona, 8 maggio 2021 – Proprio in occasione del 700esimo anniversario della morte di Dante Alighieri, i veronesi potranno tornare ad ammirare la statua del sommo poeta, presente da oltre 150 anni in piazza dei Signori, al termine di un ampio intervento di restauro conservativo, effettuato dal Comune di Verona in collaborazione con uno sponsor, che ha sostenuto il costo dell’opera.

Il monumento è stato presentato ieri mattina, in piazza dei Signori, dal sindaco Federico Sboarina e dagli assessori ai Lavori pubblici Luca Zanotto e alla Cultura Francesca Briani. Presenti, tra gli altri, il Prefetto Donato Cafagna, il Soprintendente Archeologia belle arti e paesaggio per le province di Verona, Rovigo e Vicenza Vincenzo Tiné, il vescovo monsignor Giuseppe Zenti, la direttrice dei Musei civici Francesca Rossi e anche le restauratrici che hanno effettuato l’intervento, Francesca Mariotto, Adele Trazzi, Francesca Simoni e Cinzia Pastorutti.

Il restauro della statua 

Il monumento, alto 7 metri, è realizzato in marmo di Carrara su basamento di marmo rosso di Verona. Per la prima volta dalla sua collocazione nella piazza, avvenuta nel 1865, la statua, realizzata dallo scultore Ugo Zannoni, è stata sottoposta, dallo scorso febbraio, a un intervento di restauro che ha portato alla sistemazione delle parti marmoree danneggiate in molti anni.

Sboarina: "Simbolo della città scaligera"

Entusiasta il sindaco di Verona, Federico Sboarina, all’inaugurazione del monumento restaurato: “Mai vista la statua di Dante così bella – ha commentato –. Il monumento di Zannoni, fra i simboli della nostra città, necessitava da tempo di un completo intervento di restauro conservativo. Un altro tassello dell’ampio programma di interventi che il Comune sta portando avanti su alcuni importanti monumenti cittadini fra i quali il restauro di Porta Nuova, conclusosi recentemente, e i lavori di riqualificazione dell’Anfiteatro Arena tutt’ora in corso”.

E ancora: “Il monumento dantesco rappresenta simbolicamente l’identità nazionale e veronese della città scaligera”.

L’assessore ai Lavori pubblici Luca Zanotto ha sottolineato che “sulla statua e il suo basamento è stata realizzata una dettagliata operazione di pulitura, riadesione dei frammenti staccati e consolidamento lapideo. Vi ha lavorato, per complessivi tre mesi di intervento, una squadra di restauratori tutta al femminile, che ha saputo riportare il monumento al suo antico splendore”.