Udienza Tribunale
Udienza Tribunale

Verona, 2 maggio 2021 - È stato convalidato l’arresto per il 26enne di Pozzuoli (Napoli), fermato nella serata di venerdì dagli agenti delle volanti della Questura di Verona, a seguito della rissa scoppiata a colpi di sedie in un locale in piazza Erbe.

Il giovane, arrestato dalla Polizia con l’accusa di lesioni finalizzate alla resistenza, oltraggio e minacce a pubblico ufficiale, è stato sottoposto all’udienza che si è tenuta oggi in Tribunale, dove il giudice non ha disposto alcuna misura nei confronti dell’indagato, rinviando l'udienza a gennaio 2022.

Il sindaco di Verona: “Nessuna tolleranza”

“Nessuna tolleranza - ha scritto sul profilo Facebook il sindaco di Verona Federico Sboarina - per gli imbecilli che pensano a piazza Erbe come a una zona franca dove poter dar sfogo a qualsiasi istinto. Domani incontrerò i titolari dei bar della piazza per condividere una strategia: insieme dobbiamo garantire a tutte le persone per bene di godere in tranquillità e sicurezza del salotto della nostra città”.

La ricostruzione dei fatti 

Il tutto è iniziato durante un normale controllo tra le zona della movida veronese per evitare il formarsi di assembramenti. Qui, gli agenti della Polizia locale hanno assistito alla furibonda rissa scatenata all’interno di un bar nel centro di Verona e hanno immediatamente chiamato in loro soccorso le volanti della Questura per individuare i responsabili. 

Il 26enne, completamente ubriaco, in un primo momento si era dato alla fuga, ma è stato subito individuato dai poliziotti, che lo hanno condotto al Pronto soccorso per farsi medicare le ferite. Una volta dimesso, è stato scortato in Questura, dove il suo comportamento è risultato essere minaccioso e aggressivo nei confronti delle forze dell’ordine.

Chiuso il bar, scenario della rissa

Resterà chiuso per cinque giorni il locale in piazza Erbe, teatro della rissa di venerdì scorso. 

Il provvedimento è stato disposto dalla Questura di Verona, in seguito ai controlli eseguiti dalla Polizia amministrativa che hanno riscontrato all'interno del locale diverse violazioni riguardo alle disposizioni anti-Covid attualmente in vigore. 

Gli agenti hanno anche elevato una sanzione amministrativa nei confronti del titolare del locale, che non è stato l’unico sanzionato nel corso dei controlli compiuti dalla Polizia: sanzioni sono scattate infatti anche per altri locali pubblici a causa del mancato rispetto delle normative previste dal Decreto.