Quotidiano Nazionale logo
3 mar 2022

I ragazzi: "Non dateci tutte le colpe"

"Aiutateci a conoscere le parole giuste. Osservateci. Non sminuite le nostre. esperienze"

Cari adulti, dite che i ragazzi non sanno raccontare, fare uso dell’ironia, che fanno ricorso ad una terminologia ripetitiva, iconica, si esprimono con facile disinvoltura. Non sanno modulare il tono, dare nome al benessere, al malessere. Quando si è carenti di parole che dicono i sentimenti non si ha controllo su se stessi e allora danneggiano luoghi pubblici o feriscono qualcuno per liberarsi dalla rabbia. Di fronte alle autorità non sanno raccontare la loro azione. Dicono sia colpa della tecnologia, della società, ma c’è solo l’urgenza di aiutarci. Non sappiamo manifestare sentimenti positivi: gratitudine, sensi di colpa, rimorso. Non siamo guardati e ascoltati abbastanza, non possiamo parlare quando abbiamo bisogno. Aiutateci a conoscere le parole giuste. Osservateci. Non parliamo, ma siamo tristi. Non sminuite le nostre esperienze. Sono le prime. Vi provochiamo? Non piegatevi, lodateci. Aiuta l’autostima. Siate coerenti e a noi arriva il messaggio educativo. Saremo adulti saggi. Chiedeteci spesso: "E tu come stai?". Non dateci tutte le colpe, trasmetteteci il linguaggio dell’amore.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?