Ascoli, parla il capitano Botteghin: "Con lo Spezia sarà una battaglia"

ll capitano lancia il guanto di sfida in vista del delicatissimo match salvezza di sabato prossimo

Ascoli, parla il capitano Botteghin: "Con lo Spezia sarà una battaglia"
Ascoli, parla il capitano Botteghin: "Con lo Spezia sarà una battaglia"

"Contro lo Spezia sarà una battaglia". A lanciare il guanto di sfida in vista della delicatissima sfida salvezza di sabato da vincere a tutti i costi (avvio alle 14) contro i liguri è stato il capitano Eric Botteghin. Il brasiliano, dopo qualche gara saltata per problemi fisici, ora è tornato a guidare il reparto difensivo e il gruppo come un vero leader. L’Ascoli si affiderà soprattutto alle doti tecniche di un giocatore come lui per cercare di uscire dal momento negativo e risalire la classifica. "Stiamo vivendo un momento difficile ma ora avremo due partite in casa e dobbiamo cercare di fare il massimo per vincerle e uscire da questa situazione – commenta il 36enne di San Paolo –. La sconfitta di Venezia non penso sia scaturita dall’approcciato sbagliato alla partita. Nei primi 20’ abbiamo aggredito tanto ma purtroppo ci sono stati ancora una volta degli errori singoli e di reparto. Quando sbagli contro certe squadre poi ti castigano. Nella ripresa abbiamo fatto bene ma purtroppo non è bastato". A destare qualche preoccupazione continua ad essere la situazione legata ad un’infermeria affollata.

Anche nel prossimo confronto in programma saranno tanti gli elementi costretti a restare fuori.

A risultare falcidiato dalle assenze continua ad essere soprattutto il reparto difensivo. "Abbiamo avuto tanti infortuni in questa stagione – prosegue -, non è facile e qualche compagno deve giocare in un ruolo non prettamente suo. Dobbiamo comunque guardare avanti. Con l’arrivo di Castori è cambiato tanto. Purtroppo non c’è tempo per lavorare a fondo perché necessitiamo di risultati subito. Stiamo facendo il massimo per recepire le sue idee, è solo una questione di abitudine".

"Non mi era mai capitato – continua ancora – di lottare per la salvezza nella mia carriera, sia in Olanda che nella mia esperienza qui ad Ascoli. Siamo in un momento negativo, ma niente panico. Ci sono ancora tante partite da giocare e sicuramente occorre fare di più".

A spingere la squadra in un momento così delicato sarà ancora una volta il sempre caldo e appassionato popolo bianconero. Ieri sera la tifoseria si è recata al Picchio Village per spronare la squadra e sabato allo stadio si attende qualche presenza in più. "È importante il confronto con loro – spiega ancora il giocatore –, bisogna stare uniti e solo tutti insieme potremo uscire da questa situazione complicata. Fisicamente sto bene anche se devo stringere un po’ i denti per alcuni dolori al ginocchio. Sto comunque tornando al top della condizione. La B è un campionato difficile e nessuna gara è semplice. Lo Spezia si trova in una situazione di classifica simile alla nostra. Dovremo sfruttare il vantaggio di giocare in casa. Mi aspetto un Del Duca pieno. Loro – conclude il capitano bianconero – hanno giocatori di grande qualità, ma faremo di tutto per vincere".

Massimiliano Mariotti

Continua a leggere tutte le notizie di sport su