Altri 45 giorni di carcere per Zaki

Patrick Zaki
Patrick Zaki

Almeno altri 45 giorni di custodia cautelare in carcere per Patrick Zaki, lo studente ventinovenne egiziano dell’Alma Mater in carcere al Cairo da febbraio, accusato di istigazione al terrorismo per alcuni post sulla sua pagina Facebook, per giunta di controversa paternità. Un caso che ha spinto Amnesty International a parlare di "accanimento giudiziario" e a chiedere un "azione diplomatica" italiana "molto forte" sull’Egitto. Il rinnovo per un mese e mezzo della reclusione nel carcere di Tora è stato annunciato dopo l’udienza svoltasi sabato al Cairo. La Procura per la sicurezza dello Stato si è presa dunque altro tempo per indagare su dieci post che configurerebbero fra l’altro una "diffusione di notizie false", "incitamento alla protesta" e "istigazione alla violenza e ai crimini terroristici": reati che fanno rischiare a Patrick 25 anni di carcere. Negli ultimi giorni sono stati arrestati anche tre dirigenti della ong per i diritti civili Eipr per cui Zaki lavorava.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro